Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Fiera dei Morti, parcheggiatori abusivi al lavoro
«Abbiamo trovato l'accordo con i vigili urbani»

Lungo il viale Vespucci, ieri presidiato dai vigili, sono tornati i parcheggiatori non autorizzati. «Ci è stato assicurato che non ci faranno il verbale e potremo lavorare serenamente», raccontano. «Escludo tacite intese, ci impegniamo a far rispettare le regole e la legalità», risponde il vicecomandante Stefano Sorbino

Luigi D'Angelo

Il piazzale che costeggia il viale Amerigo Vespucci, davanti alla Fiera dei morti, è deserto. Brutto segno alle dieci del mattino per i parcheggiatori abusivi, in attesa delle macchine che non arrivano. Sono una trentina in tutto. Più rilassati rispetto a ieri sera, quando hanno deciso di rimuovere le transenne poste dai vigili urbani per delimitare lo spazio oggetto del loro desiderio. Un'operazione che tengono a sottolineare è stata compiuta con garbo e senza animosità. «Questa mattina abbiamo parlato con il responsabile dei vigili urbani - spiegano Salvo e Piero, che preferiscono non fornire generalità completa - e ci ha garantito che qui possiamo stare. È una muddichedda ma meglio di niente».

A occhio e croce l'area che occupano può contenere 500 macchine. Circa il triplo invece gli stalli dei parcheggi allestiti dal Comune e gestiti dall'Amt. Ieri gli abusivi avevano provato a far valere le loro ragioni, ma «poi si è messo a piovere e non c'era nessuno di quelli che contano con cui parlare», raccontano. «Ci è stato assicurato che non ci faranno il verbale e potremo lavorare serenamente - continuano - Siamo qui dalle sette del mattino sino a mezzanotte e abbiamo bisogno di portare il pane a casa. Siamo abusivi, è vero, ma ci chiediamo che senso abbia praticare due euro di tariffa per ospitare le auto nel posteggio del Comune che però è incustodito. All'ingresso c'è il cartello, non lo diciamo noi. Detto però senza polemica».

La questione sembra dunque rientrata, per buona pace di tutti. Abusivi e non. Un benevolo accordo di convivenza per i prossimi tre giorni, almeno secondo la versione raccontata dai parcheggiatori non autorizzati. «Escludo ogni tacito accordo, ci impegniamo a far rispettare le regole e la legalità», risponde il vicecomandante della polizia municipale etnea Stefano Sorbino. Resta un dato: mentre ieri il viale Vespucci era presidiato da vigili e Amt, oggi era territorio degli abusivi. «Trenta padri di famiglia che portano il pane a casa», sottolineano i diretti interessati. «Se ci va bene faremo cento euro. C'è anche chi posteggia e non lascia niente, anche se la macchina gliela guardiamo lo stesso. Noi non chiediamo niente - conclude Piero - La nostra frase è sempre la stessa "Al suo buon cuore"».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×