Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Palaspedini, 70 minori in stato «disumano»
Berretta: «I responsabili dovranno pagare»

«Non hanno scarpe, un mediatore o un medico, ricevono un pasto freddo al giorno e sono costretti a dormire sui gradoni». E' il duro il resoconto che il deputato del Pd fa della condizione in cui si trovano i giovani migranti nella struttura comunale. E annuncia «un'interrogazione parlamentare». Guarda le foto

Leandro Perrotta

«Sono abbandonati senza cibo, senza vestiti, da un mese al Palaspedini, una struttura fatiscente. E' una cosa disumana, di una inciviltà unica. E chi in Prefettura è responsabile dovrà pagare un prezzo per tutto questo». E' duro il commento dell'onorevole del Partito democratico Giuseppe Berretta, che questo pomeriggio si è recato al palasport di piazza Spedini in visita ai 70 ragazzi (68 maschi e due femmine) giunti in città con gli sbarchi delle scorse settimane: 61 di loro si trovano nella struttura dalla prima settimana di ottobre, come denunciato dalla Rete antirazzista catanese nei giorni scorsi.

«Tutto il peggio che si possa pensare l'ho visto concentrato in quel luogo: non ci sono mediatori culturali e il pasto, rigorosamente freddo, viene portato una volta al giorno, mentre la notte i migranti dormono sugli scaloni della palestra, con un materassino per terra», commenta l'esponente del Pd. Berretta annuncia che nei prossimi giorni rivolgerà «un'interrogazione parlamentare al ministro dell'Interno. Ma già domani chiederò un incontro al Prefetto e al sindaco di Catania per chiedere di intervenire. Sappiamo - prosegue il deputato - che i costi per l'accoglienza dei minori non accompagnati sono a carico dello Stato, che trasferisce al Comune le risorse. L'emergenza dura al massimo due o tre giorni, un mese non può trascorrere così».

I giovani migranti vengono da Nigeria, Senegal, Ghana, Zambia, Bangladesh, e due di loro sono finiti in ospedale con la febbre alta. «Non c'è nessuno che li assista da un punto di vista sanitario. Sono stati quindi chiamati i medici dell'Asp e a un ragazzo con cui ho parlato - racconta Berretta - è stato diagnosticato un forte raffreddore, con la prescrizione di medicinali. Farmaci che però nessuno ha provveduto ad acquistare e che lui ovviamente non può procurarsi», afferma il deputato. Che aggiunge: «I ragazzi, tra i quali i più giovani hanno 16 anni, non possono nemmeno comunicare con le proprie famiglie, non hanno a disposizione un telefono. E a casa non sanno se sono vivi o morti».

Uno stato di abbandono che, secondo quanto riferito dal deputato, riguarda anche la struttura. «I bagni sono totalmente impraticabili per la sporcizia, i migranti non hanno la possibilità di fare una doccia o semplicemente di lavarsi i denti. La maggior parte di loro - prosegue Berretta - è persino senza scarpe e senza vestiti con cui cambiarsi, in un luogo in cui si patisce il freddo perché non riscaldato», conclude.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×