Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Calcio Catania, ingresso negato a MeridioNews 
L'ad Cosentino risponde: «Disposizioni societarie»

Da un mese la società non conferma l'accredito per la tribuna stampa del Massimino al giornalista Marco Di Mauro. Negato anche l'accesso a Torre del Grifo per i consueti incontri infrasettimanali. Una decisione drastica giustificata dal club con una laconica comunicazione ufficiale. L'amministratore delegato si sarebbe infastidito dopo la domanda: «Ha mai pensato di dimettersi?»

Luigi D'Angelo

Chiedere a un giornalista di fare «un passo indietro». «Lei non è nella lista, deve accomodarsi fuori», queste le parole rivolte al giornalista di MeridioNews (CTzen) Marco Di Mauro, al primo appuntamento con la stampa successivo all'incontro tenuto un mese fa dall'amministratore delegato Pablo Cosentino. Disorientato persino l'allenatore Giuseppe Sannino, testimone della scena. Fino ad allora il nome del nostro cronista non era mai mancato nell'elenco della stampa accreditata a seguire gli appuntamenti ufficiali. Cosa è successo? Non una semplice distrazione dell'addetto alla sicurezza. Nel corso dell'incontro indetto dall'amministratore delegato del Catania, il nostro inviato ha esordito con una domanda coerente con il periodo difficile che il club attraversa: «Alla luce dei risultati conseguiti sinora, ha mai pensato di dimettersi?». Questo l'interrogativo rivolto al manager.

Il primo mancato accesso del nostro giovane collaboratore risale a due giorni dopo, giovedì 9 ottobre, in occasione della conferenza stampa con protagonista il difensore Gaston Sauro, ma ha avuto un seguito. Nella stessa settimana il Calcio Catania non ha confermato l'accredito per l’accesso alla tribuna stampa e alla zona interviste valevole per la partita Catania-Bari. Sebbene la redazione di Meridio si fosse subito attivata attraverso i canali istituzionali del club per avviare un confronto, con l'obiettivo di ricevere spiegazioni plausibili. La sola risposta ufficiale che ci è pervenuta recita testualmente: «Disposizioni societarie». Inascoltata anche la successiva richiesta scritta, rivolta a Pablo Cosentino. Il Calcio Catania non ha, inoltre, confermato le successive richieste formali di accredito in previsione delle gare Catania-Vicenza, Catania-Entella e Catania-Varese.

Questo comportamento tenuto dal Calcio Catania, nonostante il ragionevole arco di tempo trascorso, impedisce al nostro giornalista di svolgere il lavoro quotidiano in condizioni paritarie a quelle dei colleghi e mostra il disinteresse del club ad aprire un confronto, che è norma imprescindibile dei rapporti equilibrati in ogni contesto della vita. Dal nostro punto di vista sarebbe sin troppo facile sollevare dure critiche nei confronti della società, proprio in un momento in cui la squadra attraversa un momento tecnico molto delicato. Auguriamo invece al Calcio Catania di venire fuori con slancio da questa fase di risultati altalenanti. Piuttosto, lasciamo ai nostri lettori il compito di farsi un'opinione sulla vicenda che ci coinvolge. Consapevoli che l’Ordine dei giornalisti e le associazioni di categoria sapranno gestire la controversia, manifestando la giusta sensibilità nei confronti del collega e di questa testata. Noi risponderemo al silenzio semplicemente facendo i giornalisti.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×