Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Sicilia, l'isola del Meridio

La nuova testata fonde le storie di due intraprendenti quotidiani online, CTzen e LinkSicilia, piccoli prodotti editoriali costruiti con sudore e coraggio. Adesso la scommessa è mettere insieme lettori di diverse fasce d'età. Coraggio e idee non ci mancano, vogliamo costruire il nostro futuro lottando contro l’ovvietà. Un giornale libero per gente libera

Luigi D'Angelo

Chiamo il mio amico Toni per sapere come sta: «Che aria tira a Palermo?». La sua voce è insolitamente bassa e calza perfettamente con la risposta: «C’è pitittu. Oggi Palermo è una città cattiva». Siamo messi bene, penso subito, sul web gira un decalogo che raccoglie i buoni motivi, tra cui rapine, aggressioni e scippi, che spingono a evitare il centro storico di Catania nelle ore notturne, soprattutto il sabato sera. Il messaggio è firmato da giovani tra i 20 e i 30 anni (quell’età, dicono loro, «in cui non si è deciso se mettere su famiglia o perdersi per il mondo ma in cui un giretto in centro fa sempre piacere»).

Meridio vede la luce su Palermo e Catania in questo scenario, sotto il caleidoscopio di uno stato di crisi sociale ed economica senza precedenti. L’ultimo report della Svimez (l'Associazione per lo sviluppo dell'industria nel Mezzogiorno) certifica il settimo anno di recessione per il Sud, nella storia dell’economia non esistono cicli negativi così lunghi. In questo clima di povertà galoppante la recrudescenza del crimine diventa la naturale conseguenza.

Perché Meridio? La Sicilia è l’isola del Meridio, la massima espressione del Mezzogiorno d’Italia. La nuova testata fonde le storie di due intraprendenti giornali online, CTzen e LinkSicilia, piccoli prodotti editoriali costruiti con sudore e coraggio.

Il nostro obiettivo è mettere insieme lettori appartenenti a fasce d’età diverse. Un’operazione totalizzante, costruita su tre pagine, di cui una su Catania, una su Palermo e la terza interamente dedicata ai principali fatti regionali. Una fusione che non è figlia di ortodossia giornalistica ma è concepita per leggere chiaramente tutti i fatti della Sicilia. Senza farci sfuggire niente.

CTzen e LinkSicilia non subiranno una mutazione genetica, saranno solo più incisivi sotto un’unica testata. Restando coerenti con quello che sono stati in questi anni.

Vogliamo costruire un ponte tra generazioni sul quale passerà il racconto di ciò che siamo e l’idea di ciò che vorremmo essere. Con un punto fermo: al contrario di come spesso si sente dichiarare, noi rivendichiamo di avere sia i padrini che i padroni. E non può essere diversamente perché nel primo caso abbiamo ricevuto l’iniziazione e il sostegno dei nostri maestri. Per l’altro aspetto i nostri padroni sono i lettori. Vogliamo essere letti, apprezzati o criticati. Vogliamo essere sostenuti, ma se proprio non se ne può fare a meno anche attaccati. Cos’è un giornale se non la splendida sintesi di tutto questo? CTzen e Link non subiranno una mutazione genetica, saranno solo più incisivi sotto un’unica testata. Restando coerenti con quello che sono stati in questi anni.

Dicevamo dei padroni. Noi di questo lavoro vogliamo vivere e questo comporta un sostegno economico da parte di chiunque vorrà starci accanto, che tuttavia non si trasformerà mai in un quotidiano braccio di ferro sulla nostra libertà di informare. Tanti errori del passato, più o meno cercati, compiuti dall’editoria nella gestione del suo rapporto con il potere, hanno condizionato catastroficamente le nostre vite. Il sintomo della pochezza del dibattito pubblico in Sicilia ne è la prova.

La Sicilia è sempre più condannata all’arretratezza. Siamo nei guai sino al collo. Se verranno confermati, come sembra, i dati sulla ripartizione dei finanziamenti per le ferrovie contenuti nel decreto del governo Sblocca Italia e nella legge di Stabilità, di questi fondi 4,7 miliardi sono destinati a opere delle regioni dalla Toscana in su (tra cui il tunnel del Brennero, TAV in Val di Susa e terzo valico ferroviario nell’Appennino ligure) mentre solo 60 milioni andranno alle regioni meridionali. D'altro canto la Sicilia non ha presentato nessun progetto.

Tutto questo mentre il Crocetta ter scalda i motori e raffredda i cuori dei siciliani. Non è facile dire addio alle poltrone dell’Ars, meglio trovare un accordo per non lasciare il palazzo. Il buco complessivo di sette miliardi di euro vantato dalla Regione siciliana è però un dato oggettivo che non lascia spazio a prospettive future incoraggianti.

Questo è un piccolo assaggio di quello che vi attende.

Coraggio e idee non ci mancano, ci apprestiamo a costruire le fortune di Meridio lottando contro l’ovvietà. Un giornale libero per gente libera.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×