Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Emergenza discariche, Crocetta: «Privati discutibili»
Di Guardo: «Sfugge perché non ha la coscienza a posto»

Il governatore, oggi a Catania, ha incontrato i prefetti per parlare del caos rifiuti. Quelli del Messinese, dopo il sequestro dell'impianto di Mazzarà, verranno conferiti a Tiritì, scatenando la protesta di primi cittadini e comitati. «Se il sindaco di Misterbianco ha qualcosa da dire mi chiami», risponde il presidente. «Ha fatto fuori l'ex assessore Marino che stava portando avanti azione di pulizia», replica Di Guardo

Salvo Catalano

«Esplodono le contraddizioni di sempre, le questioni legate al rapporto tra criminalità e rifiuti. Paghiamo il fatto che negli anni passati la politica delle discariche è stata incardinata su privati discutibili come la Oikos e i gestori dell'impianto di Mazzara Sant'Andrea». Il governatore Rosario Crocetta rispolvera un leit motiv già sentito spesso per commentare l'ennesima emergenza rifiuti. Dopo il sequestro preventivo della discarica del Messinese, la Regione ha deciso di conferire i rifiuti della città dello Stretto e di molti comuni limitrofi all'impianto Tiritì-Valanghe d'Inverno di Motta Sant'Anastasia e Misterbianco. Provocando la reazione indignata dei comitati no discarica e del primo cittadino di Misterbianco, Nino Di Guardo. «Stiamo affrontando la questione - ha replicato Crocetta - se il sindaco di Misterbianco ha qualcosa da dire, può tranquillamente parlare con me o con l'assessore competente, non posso certo governare rispondendo ai comunicati stampa.»

Una replica che ha ulteriormente infastidito Di Guardo. «Ho incontrato Crocetta più volte, solo che lui su queste cose sfugge perché non ha la coscienza a posto. Tant'è vero che la firma sul decreto che autorizza il conferimento dei rifiuti a Tiritì non l'ha nemmeno firmato lui, ma la sua nuova vice, Mariella Lo Bello». Anche oggi il governatore ha ricordato di «aver avviato da mesi le gare per le nuove discariche pubbliche» e ha aggiunto di pensare a «un lavoro nuovo: individuare, insieme ai prefetti e alla protezione civile, piccole discariche nei comuni, in modo che questi possano diventare autosufficienti senza la necessità di pagare ogni anno centinaia di migliaia o milioni di euro». 

Parole che non convincono più il sindaco di Misterbianco. «Crocetta ha buttato fuori l'ex assessore Marino che stava portando avanti una seria azione di rinnovamento e trasparenza e, grazie al lavoro della commissione d'inchiesta da lui nominata, ha fatto emergere mille illegalità nel rilascio delle autorizzazioni per l'allargamento della discarica. Il governatore a parole dice delle cose, nei fatti sorvola. A luglio il governo ha disposto la chiusura dell'impianto di Valanghe d'inverno perché illegittima, adesso non può essere annullato da una nuova emergenza, servono altre soluzioni». Di Guardo annuncia quindi che domenica ci sarà una manifestazione in piazza a Misterbianco, mentre per domani, sabato, è confermata la protesta alla discarica. Il concentramento è previsto alle 9 all'incrocio tra le vie che portano a Motta, Misterbianco e all'impianto. 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×