Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Discarica Oikos, presentato il piano di bonifica
Ma resta l'incertezza sulla creazione di nuovi impianti

La conferenza dei servizi ha confermato la decisione presa qualche mese fa: l'impianto va chiuso. Ma i membri dei comitati cittadini rimangono cauti. Manca ancora un'idea chiara sulla gestione del settore e quella mottese è l'unica struttura emergenziale della Sicilia orientale

Carmen Valisano

Ottimismo, ma con qualche riserva. Nel corso dell'ultima conferenza dei servizi convocata lunedì a Palermo per decidere le sorti della discarica di Motta Sant'Anastasia è stato ribadito l'intento finale: l'impianto - di proprietà della Oikos spa e per il quale la Regione ha revocati i permessi per la continuazione dell'attività - dovrà avviarsi verso la chiusura e la successiva bonifica entro il 31 luglio 2015. L'azienda, il cui proprietario Domenico Proto è ai domiciliari perché coinvolto nell'inchiesta della procura di Palermo Terra mia, ha presentato come richiesto un piano di chiusura anticipata. Al momento dei rilievi fatti dai tecnici di parte che hanno condotto gli studi, lo scorso 11 agosto, la capienza delle vasche in contrada Valanghe d'inverno è di oltre due milioni e 200mila metri cubi. Anche se, sottolinea l'azienda, la decisione di revocare i permessi viene ritenuta affetta «da vizi che ne determinano la sua illegittimità» e per questo i vertici hanno presentato un nuovo ricorso al Tar dopo i due rigettati poche settimane fa

Ma quello che dovrebbe essere segnato come un punto a favore dei comitati che chiedono la chiusura della discarica, fa emergere diversi interrogativi. Quello più importante riguarda la destinazione dei rifiuti raccolti nella Sicilia orientale. Nel Catanese, infatti, è diretta la spazzatura proveniente dall'impianto di Mazzarrà Sant'Andrea (Messina) sequestrato dalla magistratura, oltre a quella di diversi Comuni in provincia di Enna e Ragusa. Con la chiusura della discarica di contrada Valanghe d'inverno viene a mancare una struttura emergenziale dalla capacità complessiva di oltre due milioni e mezzo di metri cubi.

Dai comitati cittadini di Misterbianco e Motta si sollevano diverse perplessità che riguardano soprattutto la mancanza di una programmazione da parte dell'assessorato regionale all'Ambiente. «Dove manderanno i rifiuti? - chiede Danilo Festa, membro del comitato e consigliere comunale mottese - Quando verranno realizzate le nuove discariche?». E, conclude, «la creazione di nuovi impianti - tre secondo voci di corridoio, ndr - dovrebbe essere inclusa nel piano regionale dei rifiuti. Cosa che ancora non è accaduta». Il rischio è che, come accaduto con la proroga che mantiene aperta la struttura catanese fino al prossimo 15 gennaio, sopraggiunga una situazione di emergenza che obblighi a tenere ancora aperto il sito, spostando ulteriormente la data dell'avvio del processo di bonifica. 

Per continuare a tenere alta l'attenzione dell'opinione pubblica sulla questione e sensibilizzare i cittadini, per sabato 15 è indetta una nuova manifestazione davanti ai cancelli della Oikos. La prossima conferenza dei servizi, invece, è convocata per il 3 dicembre. 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×