Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Motta, i comitati bloccano gli accessi alla discarica
Fermati compattatori diretti alla Oikos, traffico rallentato

Circa duecento cittadini misterbianchesi e mottesi presidiano i due ingressi dell'impianto in contrada Valanghe d'inverno. Sotto accusa «l'illegalità innalzata a sistema» e «l'emergenza indotta da una politica regionale incapace di produrre soluzioni adeguate nel campo della gestione dei rifiuti»

Carmen Valisano

Lo avevano promesso una settimana fa, durante la manifestazione realizzata nonostante la pioggia e il vento. Da stamattina oltre duecento cittadini dei comitati No Discarica di Motta Sant'Anastasia e Misterbianco presidiano i due ingressi dell'impianto di proprietà della Oikos spa in contrada Valaghe d'inverno. La protesta è l'ultima di una lunga serie di azioni di dissenso contro la struttura di Domenco Proto, uno degli imprenditori coinvolti nell'operazione Terra mia della procura di Palermo. L'azienda ha ricevuto lo stop all'abbancamento dei rifiuti imposto a luglio, ma di fatto ha ottenuto un rinvio almeno fino al prossimo 15 gennaio

Dopo il raduno dei manifestanti al crocevia che unisce le strade che portano nei due Comuni, i manifestanti si sono divisi in due gruppi per impedire l'accesso ai mezzi da entrambi gli ingressi della discarica. Il traffico sulla statale 121 che collega Paternò a Catania è rallentato in direzione del capoluogo. Qualche momento di tensione con alcuni autisti bloccati davanti ai cancelli della discarica, presto risolto dall'intervento delle forze dell'ordine che hanno invitato i lavoratori a spostare i mezzi lontano dai presidi. La manifestazione «è autorizzata fino alle 14, ma resteremo a oltranza», assicurano i membri del comitato. 

L'impianto del Catanese è uno dei più grandi siti emergenziali della Sicilia, l'unico in attività nella parte orientale dell'isola. Da una settimana, infatti, oltre ai rifiuti provenienti dalle province di Catania, Enna, Ragusa e Siracusa, vengono abbancati anche quelli destinati alla discarica di Mazzarrà Sant'Andrea. Struttura con una vicenda simile a quella mottese e sequestrata dalla magistratura messinese. 

I cittadini, in un comunicato congiunto, giudicano non convincente il piano di bonifica presentato dalla Oikos nel corso dell'ultima conferenza dei servizi, lunedì scorso. Oltre alla possibilità di abbancare altri 240mila metri cubi di spazzatura, il progetto «rischia di prorogare per mesi (quanti?) l’insostenibile situazione attuale che il presidente Crocetta ha in più occasioni definito straordinaria e temporanea». Sotto accusa sono «l'illegalità innalzata a sistema» e «l'emergenza indotta da una politica regionale incapace di produrre soluzioni adeguate nel campo della gestione dei rifiuti». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×