Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Discarica di Motta, i consiglieri scrivono al prefetto
«Perché non si attua la gestione straordinaria?»

Con una lunga lettera sei consiglieri di Motta Sant'Anastasia chiedono di «estendere i provvedimenti già adottati a Catania anche alla gestione della discarica di contrada Valanghe». A supportare la richiesta, da attuare «prima della conferenza dei servizi del 3 dicembre», un parere dell'Autorità nazionale anti corruzione.

Leandro Perrotta

«Il 19 settembre il prefetto ha scelto di avviare la gestione straordinaria dell'Oikos per quanto riguarda il serivizio di igiene urbana a Catania. Perché non ha fatto lo stesso con la discarica di Motta Sant'Anastasia, che è il motivo principale del provvedimento nel capoluogo?». A chederlo è Annalisa Puglisi, consigliere comunale del gruppo Autonomia mottese. 

La lettera al prefetto firmata dai consiglieri

In una lettera firmata  con i colleghi Occhipinti (Insieme per Motta), Roccasalva(Autonomia mottese), Di Mauro (Movimento libero), Greco (Movimento 5 stelle) e Santagati (Primavera), si evidenzia come «la decisione venga da un parere, chiesto proprio dal prefetto, all'autorità nazionale per l'anticorruzione Anac. E il presidente Raffaele Cantone scrive "si prospetta l'eventualità di adottare la gestione temporanea della società Oikos attaverso la nomina di uno o più amministratori straordinari, limitatamente alla gestione transitoria della discarica di contrada Valanghe, al fine di realizzare le opere previste nel progetto di chiusura"».

Secondo i consiglieri di Motta Sant'Anastasia, la nomina dei commissari straordinari per la gestione della discarica sarebbe «ancora più calzante rispetto a quella della gestione del contratto di servizio di Catania», perché «la procedura di chiusura non è stata avviata, e ci sono 240mila metri cubi di rifiuti pronti a essere immessi», è spiegato nella lettera al prefetto. Inoltre «l'interdittiva antimafia nei confronti di Oikos nasce proprio dai comportamenti di corruzione (o presunta tale) proprio inerente la procedura di autorizzazione della discarica di cui si sta "trattando" la chiusura».

La lettera si conclude, quindi, con un appello al prefetto ad estendere i provvedimenti già adottati a Catania per la gestione della discarica prima della prossima conferenza dei servizi, in programma il 3 dicembre. «Tale carenza mette a serio rischio la garanzia di imparzialità della conferenza dei servizi, che vede la proprietà "trattare", per se tramite l'amministratore delegato. Che viene pagato dalla stessa compagine sociale che si ritiene non idonea (interdittiva antimafia)».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×