Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Calcio Catania, Sannino prepara la sfida al Bologna
«Tanti giocatori si sono sacrificati, a costo di infortuni»

Non ci saranno Leto e Monzon, solo gli ultimi tra squalificati ed infortunati. Un problema sul quale il tecnico etneo Giuseppe Sannino ha una idea chiara: «Si sono sacrificati per il gruppo». E la squadra intanto ha un bisogno vitale di risultati utili in casa: con due soli punti è l'ultima in graduatoria nelle gare in trasferta

Marco Di Mauro

E' la vigilia della sfida al Bologna, e il Calcio Catania è a Torre del Grifo per l’ultima seduta di allenamento. Sannino dovrà fare a meno di Leto e Monzon. Solo gli ultimi tra squalificati ed infortunati. Sin dal suo arrivo, l’allenatore del Catania ha dovuto far i conti con le magagne progettuali della squadra che ricadono, di partita in partita, sulle scelte tecniche. Mai ha avuto la possibilità di schierare la medesima formazione della partita precedente. In conferenza stampa,Giuseppe Sannino, non lo nega: «Vorrei potere giocare, la gara successiva, con la stessa formazione schierata in quella precedente. Sarebbe importante per dare continuità alla squadra, al gioco. Da quando sono arrivato al Catania non ho mai trovato le condizioni per gestire le forze. Vincere è sempre l’obbligo». Sannino spiega anche il costo, della vittoria a tutti i costi: «Tanti giocatori si sono sacrificati, anche a costo di ricadere in infortuni, pur di aiutare la squadra».

Ed in casa, fare punti è importante più che in trasferta considerando che in trasferta, il Catania, proprio non riesce a racimolarne. Ultimo della graduatoria, a soli due punti: «In casa il nostro rendimento è importante. Se vogliamo uscire dal limbo in cui ci troviamo, a metà tra Paradiso ed Inferno, serve conquistare punti ad ogni occasione. Anche lontano dal Massimino». A Terni, contro una formazione che mai aveva vinto in casa, perdere 1-0 è stata dunque un’occasione sciupata? «Non voglio parlare di Terni, è il passato». Tuttavia, a quasi ogni successiva domanda, è Sannino stesso a riprendere l’argomento: «Ho detto bravi a giocatori che a Terni, anche con l’uomo in meno, hanno cercato di recuperare la partita. Soprattutto ai giovani. La sconfitta è giunta immeritata, avrei voluto ed avremmo meritato di vincere». Eppure, con l’1-0 ancora caldo, la versione di Sannino non disprezzava «il pareggio verso il quale la partita si era incanalata». Poi l’espulsione di Leto. Sannino torna a parlarne «Episodio che ha portato gli unici minuti di buio, sfruttati dall’avversario per farci gol e vincere la partita. Ma ho visto la giusta personalità». Nessun commento, tuttavia, né su Leto né sulle eventuali punizioni disposte dalla società a seguito del rosso rimediato per proteste (e costato già tre giornate dal giudice sportivo).

Argomento Bologna, Sannino replica «Terni». Ovvero: «Non parlo del Bologna, penso al Catania». Basta aspettare le risposte successive: «E’ una sfida dal sapore di serie A. Del Bologna temo l’organizzazione generale e le individualità come Matuzalem. Conosciamo a fondo chi andiamo ad affrontare. Mi auguro che i rossoblu trovino di fronte una squadra che voglia riprendersi quello che non è riuscita a portarsi via – da dove? - da Terni». Giusto per non parlarne, più.

Almeno di Catania, invece, si può dunque parlare senza censure. Chi giocherà in attacco, al fianco di Leto? Capuano prenderà il posto di Monzon, acciaccato? «Sauro, Capuano ed Escalante sono tornati disponibili. Le mie scelte le saprete domani, quando vedrete la formazione». E stavolta la risposta è l’unica e definitiva. «Va bene così? Arrivederci».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×