Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Belpasso, inaugurata la scuola di sci di fondo
Entro marzo servizi igienici e parcheggi rinnovati

«Quest’anno riproponiamo i nostri servizi agli amanti della montagna, con più speranze rispetto al passato». Così Nino Longo, presidente della scuola, commenta il riconoscimento ufficiale a un lavoro che non comincia oggi. E che prosegue tra le migliorie previste alla struttura. Aspettando la neve. Guarda le foto

Sergio Mangiameli

In una bella mattinata di sole di fine autunno è stata inaugurata la Scuola italiana sci di fondo Etna-Belpasso, a Piano Vetore (Etna Sud) a 1800 metri circa di quota. Presenti il sindaco Carlo Caputo e il vicesindaco Giuseppe Zitelli, il primo cittadino di Nicolosi Nino Borzì, dell'assessore Santi Borzì e il presidente regionale della Federazione italiana sport Invernali (Fisi) Nuccio Fontanarosa, in veste anche di presidente del Collegio regionale dei maestri di sci.

«Grazie all’interesse dimostrato dal Comune di Belpasso – spiega Nino Longo, presidente della Scuola sci di fondo di Piano Vetore –, quest’anno riproponiamo i nostri servizi (lezioni con maestri federali, nolo sci e attrezzatura completa, nolo ciaspole, ndr) agli amanti della montagna, con più speranze rispetto al passato. Quest’inverno avremo il piacere di ospitare i ragazzi delle scuole elementari e medie di Ragalna e di Belpasso. Va detto anche che, all’interno della scuola, noi maestri siamo cresciuti in numero fino a sette, grazie ai nuovi arrivati».

Taglio del nastro. Da sinistra: Nino Longo, Nuccio Fontana Rosa, Carlo Caputo e Nino Borzì

Foto di gruppo davanti alla scuola

Foto di gruppo davanti alla scuola

I maestri della Scuola Sci di Fondo Belpasso

Il logo della scuola

Il maestro Antonio Carbonaro, il purista dello stile classico

Il maestro Antonio Rizzo, ha portato lui la tecnica pattinata o skating sull'Etna

il maestro Nino Longo, presidente della Scuola

Rizzo e Longo, due generazioni di sciatori, l'inizio e l'oggi

La pista di sci di fondo si presenta con tre scelte di lunghezza e difficoltà - 1.2, 2.5 e 3.5 chilometri –, che si articolano nel vasto pianoro, in parte pineta, con vista diretta ai crateri sommitali e anche al mare. La casetta dei maestri di Piano Vetore è una realtà nota ai frequentatori di questa parte dell’Etna e resiste da una decina d’anni, aspettando enti e istituzioni che riconoscano la professionalità e la passione dimostrata da chi vi opera. Ricordiamo che questo sport invernale a costi energetici minimi (solo il battipista, non c’è alcuno skilift, ndr) e a impatto ambientale zero, in cui si muove tutto il corpo, è di massima attenzione educativa per adulti e bambini e andrebbe sostenuto certamente di più. Lo sci di fondo si può praticare a tutte le età, e sciare con calma nel silenzio, immersi nella bellezza della natura, non è solo il corpo a trarne beneficio.

Al sindaco di Belpasso, abbiamo posto due richieste di senso pratico: i servizi igienici e il parcheggio finora inesistente. «Entrambi saranno risolti entro marzo 2015 – assicura Caputo; per i servizi igienici realizzeremo un vano accorpato alla casetta esistente e sistemeremo l’area parcheggio». «Per la prima volta Belpasso ha una scuola di sci vera e propria con tanto di riconoscimento ufficiale della Fisi: un modo affinché la nostra comunità possa guardare a nord e al turismo sportivo sia come sbocco occupazionale che come valorizzazione del nostro territorio. È nostra intenzione mettere i maestri di sci nelle migliori condizioni per operare».

«L'iniziativa istituzionale del Comune di Belpasso è per noi importantissima. Quest’inverno, una volta alla settimana, è previsto l'arrivo di 70-80 ragazzi del Liceo scientifico a indirizzo sportivo Vaccarini di Catania - dice Fontanarosa -. Finalmente la Scuola sci di fondo Etna-Belpasso è una realtà riconosciuta con nuove figure professionali che abbiamo fortemente voluto».È tutto pronto a Piano Vetore. Non resta che aspettare che scenda la neve, prevista già per la prossima settimana

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews