Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Calcio Catania, 2 a 2 in casa contro il Bologna
Sannino: «Gara spettacolare fino all'ultimo»

Sotto di due gol, il primo subito ad appena 4 minuti dall'avvio di gara e il secondo al decimo della ripresa, gli etnei riescono nell'impresa di riprendere le redini di una gara inizialmente dominata dagli emiliani. La rete del 2 a 1 di Cani arriva al minuto 57, mentre Calaiò pareggia su rigore al 76esimo. Il tecnico Giuseppe Sannino: «Ci è mancato il terzo gol»

Marco Di Mauro

Pareggio spettacolare tra Catania e Bologna. Al Massimino accade tutto ed il contrario di tutto tra primo e secondo tempo. Il Bologna passa in vantaggio con Zuculini in apertura e raddoppia con Acquafresca 10’ dopo l’intervallo. Nessuna reazione del Catania, che merita i fischi dei suoi tifosi. Ma la rete dello 0-2, che coincide con l’infortunio di Spolli ed un necessario quanto imprevisto aggiustamento tattico, ridesta il Catania che accorcia con Cani, pareggia con Calaiò (su rigore) e sfiora più volte la rete del vantaggio. 

Non senza concedere spazi ed occasioni agli avversari. Tanto che a fine gara, i voti più alti vanno ai portieri. In sala conferenze, le parole dell’allenatore del Catania, Giuseppe Sannino: «Lo spettacolo è stato divertente. C’è mancato il terzo gol. A noi come il Bologna. Una gara indecifrabile fino all’ultimo minuto». Al Catania, in casa, dopo la sconfitta a Terni si chiedeva di più. Per alimentare le speranze di risalire in classifica. «Siamo nel limbo. L’ho detto alla vigilia e lo ripeto. Né inferno né paradiso. Questi 90’ ne sono la sintesi. Abbiamo toccato con mano l’inferno nel primo tempo ed il paradiso nel secondo». Quali le spiegazioni del primo tempo deludente e del secondo, sorprendente? «Nel primo tempo non siamo stati il Catania che volevamo. Nel secondo tempo la squadra è stata straordinaria per il solo pensare di riuscire a capovolgere la gara, sotto di due gol e contro una formazione competitiva contro il Bologna». E Sannino aggiunge: «La svolta può arrivare anche con un recupero come questo, non per forza con una vittoria».

Infortunati (Spolli e Monzon) e squalificati (Rinaudo) restano all’ordine del giorno: «Spolli è uscito per il solito problema al dito. Monzon a causa di un taglio all’altezza del ginocchio. Per due che ritornano, due escono». La classifica vede i rossazzurri recuperare un punto dalla zona play-off. Obiettivo prefissato entro Dicembre: «Per adesso pensiamo a far il meglio possibile per il presente, partita dopo partita. A proposito del futuro ci siederemo, arrivate le vacanze, per discuterne». Da qua alla sosta, la squadra quanto riuscirà a migliorare, a rispecchiare la volontà dell’allenatore? «Caratterialmente sento questa squadra già mia. Tecnicamente dobbiamo migliorare. Mi mancano i 30 giorni di ritiro. I problemi non mancano, eppure siamo sempre riusciti ad ovviare con tutte le nostre qualità. I ragazzi credono in quel che facciamo, nonostante le difficoltà. Per questo sono orgoglioso, sin dal primo giorno, di allenarli».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×