Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Etna, tre animali avvelenati in due settimane
La proposta: «Bonificare subito con l'aiuto dei cani»

È morto nella notte anche il cane salvato ieri in zona Galvarina. Il decesso segue quello di un altro cane e di una volpe. La proprietaria, veterinaria catanese, racconta: «Ha leccato un masso, poteva toccarlo un bambino. Bisogna intervenire»

Sergio Mangiameli

Purtroppo il cane salvato ieri sull’Etna stanotte non ce l’ha fatta. «Nonostante tutte le cure possibili, le sue condizioni sono peggiorate e stanotte è morto sotto i miei occhi – racconta commossa la proprietaria, la veterinaria catanese Cristina Musumeci, appassionata di montagna - Il mio cane stava bene in salute e pesava 40 chili: per abbattere un meticcio di quel peso penso che siano stati usati diversi tipi di sostanze tossiche. Domani, comunque, lo consegnerò ai colleghi dell’istituto zooprofilattico sperimentale di Catania, per gli esami autoptici e la procedura completa del caso». Analisi sempre più necessarie, considerato che la morte dell'animale durante una gita sull'Etna è il terzo caso in due settimane lungo la pista Altomontana, tra i Rifugi Galvarina e Monte Scavodopo il decesso di un altro cane delle forze armate e quello di una volpe. Ieri, dopo l'ennesimo allarme e complice il lungo ponte festivo che porta numerosi visitatori sul vulcano, il comandante Luca Ferlito del nucleo operativo Forestale ha vietato l'accesso a cani e bambini. Una precauzione in attesa di una risposta istituzionale, a cui adesso si aggiunge la proposta della veterinaria Musumeci.

La proprietaria del cane racconta di essere stata avvisata del pericolo. «Al cancello del demanio Filiciusa-Milìa l’operaio forestale ci aveva avvertito che in zona Galvarina ci sono dei bocconi avvelenati. È successo in un attimo e la responsabilità è mia, sono stata superficiale: mentre parlavo con gli agenti della Forestale, il cane si è allontanato e ha leccato un masso proprio davanti al Rifugio - racconta - Davanti a tutti, non ci posso ancora credere, avrebbe potuto toccare quel masso un bambino. È terribile! Bisogna subito intervenire e bonificare». Un'operazione urgente per la quale la dottoressa ha una proposta «pratica e immediata, soprattutto alla Forestale che è stata veramente di grande aiuto per prontezza d’intervento»: «Una bonifica a squadre con gli stessi cani tenuti al guinzaglio e museruola. I cani sono attratti dalle esche, ma così sarebbero protetti e si interverrebbe subito a costi ridotti», spiega.

Intanto il luogo è presidiato da pattuglie della Forestale di diversi distaccamenti etnei, che si alternano giorno e notte. Oggi, festa dell’Immacolata, sul posto c’è anche una squadra del Corpo nazionale Soccorso alpino e speleologico. E il blocco degli escursionisti con bambini e cani al seguito permane in misura precauzionale a opera del Corpo forestale, in attesa dei risultati definitivi che saranno resi nei prossimi giorni dall’Istituto zooprofilattico di Catania sui reperti di un cane e di una volpe. Si spera nel frattempo che le indagini portino quanto prima all’individuazione dei responsabili di questi gesti assassini in una parte dell’Etna che si trova in zona A, sito patrimonio dell’umanità Unesco, da riconsegnare alla fruizione sicura per tutti.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews