Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Mentre a Catania si contesta, a Torre del Grifo si brinda
I tifosi: «Spaccatura netta tra noi e la società»

Nella sede della società, ieri sera, si è svolta la cena di auguri natalizi in un clima teso tra il presidente Pulvirenti e l'allenatore (sfiduciato pubblicamente) Sannino. Contemporaneamente, in piazza Dante, riunione degli ultrà rossazzurri aperta anche ai tifosi. Che annunciano la protesta per sabato

Marco Di Mauro

È martedì sera, intorno alle 21. A Torre del Grifo, quartier generale del Catania, giocatori, tecnici e dirigenti del club ricevono gli sponsor per la cena d’auguri natalizi. Nel mentre, in piazza Dante, nel pieno centro storico della città, ha inizio la riunione degli ultrà rossazzurri, estesa stavolta a tutti i tifosi rossazzurri, senza alcuna distinzione. Misura straordinaria che raccoglie l'indignazione popolare seguita alla gestione del caso-Sannino, l’allenatore sfiduciato pubblicamente dal presidente Antonio Pulvirenti e tuttavia non ancora esonerato. Anche per il rifiuto in serie da parte dei successori finora contattati, sussurrano da Milano.

Circa quattrocento i presenti che ascoltano in piedi Michele Spampinato, voce di riferimento della curva Nord, che spiega le ragioni della proposta, accolta per acclamazione, che invita tutti i tifosi rossazzurri a non entrare al Massimino già in occasione della partita prevista sabato, contro il Brescia: «Va coinvolta l’intera città. Chiunque condivida con noi l’amore per il Catania è chiamato a prendere una posizione netta, dimostrare di stare contro chi sta affossando la società, rimanendo fuori dallo stadio a tifare insieme a noi». Una precisazione è d’obbligo: «Ci vedremo in piazza Spedini, alle 13.30 di sabato. A nessuno verrà impedito l’ingresso, spero però che la coscienza faccia sentire un verme chiunque decida di entrare».

La motivazione sulla quale si fonda il consenso dei presenti è la gestione del club, da quando a dirigerne le operazioni da amministratore delegato è Pablo Cosentino. «In questo momento c’è una spaccatura netta tra noi-tifosi e loro-società. Pulvirenti, sebbene in difficoltà, deve scegliere da che parte stare. O sta con noi o sta con gente come i Cosentino, i Moggi, i Ventrone. Tutte figure che in altre piazze hanno sempre fallito, e questo non ci fa dormire la notte». Scelta chiesta in tempi brevi, perché funzionale, nella logica della protesta, al mercato di gennaio: «Questa squadra ha bisogno di tanti giocatori per salvarsi. Altrimenti rischia la serie C, che per noi cambia poco ma per la società potrebbe essere una tragedia economica fatale. La stagione è ancora salvaguardabile, perché il livello è scarso, ma con questa situazione nota ormai a tutta Italia, a Catania non verrà nessun giocatore». La riunione si conclude tra applausi, inni, battimano e cori polemici verso l’amministratore delegato Cosentino. La contestazione è appena iniziata. Nel mentre, magari, a Torre del Grifo si stava giustappunto brindando alla salute. Chissà..

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×