Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Motta, arrivano i commissari alla Oikos
Crocetta: «Si comincia ad affrontare l'emergenza rifiuti»

A qualche mese dall'apertura di un'inchiesta della magistratura e con il rischio di dover posticipare la bonifica dell'impianto mottese, il governatore ha annunciato l'arrivo dei tecnici per controllare la gestione della struttura di proprietà della famiglia Proto. «Parlerò con i sindaci interessati - assicura Rosario Crocetta - per concordare anche con loro le strategie necessarie». «La strategia è una: la chiusura», ribatte categorico Nino Di Guardo, sindaco di Misterbianco

Carmen Valisano

La Regione siciliana annuncia l'arrivo dei commissari alla Oikos spa, l'azienda proprietaria della discarica di contrada Valanghe d'inverno, tra i Comuni catanesi di Motta Sant'Anastasia e Misterbianco. Il presidente Rosario Crocetta spiega come la decisione mira a far «fa prevalere l'interesse pubblico rispetto a interessi più che discutibili che sono oggetto di un'inchiesta della magistratura, all'interno della quale emergono gravi responsabilità in capo ai privati». A capo della ditta, infatti, c'è Domenico Proto, indagato per l'inchiesta palermitana Terra mia scoppiata a luglio. Qualche giorno dopo, l'allora dirigente regionale Marco Lupo decise di sospendere le autorizzazioni all'abbancamento dei rifiuti. Una misura, però, sconfessata dalla stessa Regione che ha stabilito di dare il via libera alla Oikos per altri tre mesi, fino al prossimo 15 gennaio

Secondo il presidente della Regione, l'arrivo dei tecnici incaricati permetterà anche di «cominciare ad affrontare le emergenze rifiuti interloquendo con i commissari nominati dallo Stato che rappresentano certamente punti di riferimento importanti per il rispetto dell'ambiente e la gestione corretta del conferimento dei rifiuti». Il timore dei comitati che da anni si battono contro l'impianto, oltre alla proposta di bonifica presentata dalla Oikos, riguarda proprio la gestione di quella che potrebbe diventare una prossima emergenza spazzatura. Nella valle dei Sieli, infatti, confluiscono i compattatori proveniente da centinaia di Comuni, tra quelli già clienti dell'azienda, quelli provenienti dal Messinese (l'impianto di Mazzarrà Sant'Andrea è stato chiuso su disposizione della magistratura) e quelli della Sicilia centrale rimasti sguarniti per l'esaurimento della discarica agrigentina di Siculiana

Lo scorso 19 settembre il prefetto ha scelto di avviare la gestione straordinaria dell'Oikos per il servizio di igiene urbana a Catania e da allora anche i cittadini dei due centri etnei chiedono l'estensione della misura, oggi arrivata. «Un plauso sincero va al prefetto di Catania per la determinazione mostrata e per la consapevolezza delle questioni in campo», riconosce il governatore Crocetta. Che annuncia: «Oggi stesso parlerò con i sindaci interessati per concordare anche con loro le strategie necessarie con la logica della responsabilità comune che dobbiamo avere in un momento cosi difficile». «La strategia è una: la chiusura». Nino Di Guardo, primo cittadino misterbianchese, è categorico. 

La notizia di oggi, infatti, non fuga i timori di un possibile rinvio delle operazioni di chiusura dell'impianto. Un rischio che i comitati cittadini da tempo presentano come reale alle istituzioni e sostenuto anche dal sindaco della cittadina. «Sapevo che questa decisione era nell'aria - confessa a MeridioNews - Il punto è uno: se Crocetta pensa che potrà tenere la discarica aperta grazie ai commissari, è fuori strada. Va chiusa». Di Guardo incontrerà il presidente della Regione lunedì, «gli porterò le istanze del mio Comune, gli dirò di chiuderla e allontanarla da qualsiasi Comune».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×