Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Esche avvelenate sull'Etna, si attendono le indagini
Contratti stagionali prolungati per informare escursionisti

Non sono partiti gli accertamenti per capire chi abbia posizionato il cibo contaminato dal methomyl che ha causato la morte di due cani e una volpe selvatica. Nemmeno sono iniziati bonifica e posizionamento dei cartelli informativi. Intanto l'ordine di servizio impartito al personale che presidia le zone interessate è avvisare gli escursionisti 

Sergio Mangiameli

Superato il terzo fine settimana di allerta sulla Pista Altomontana dell’Etna versante sud e ovest, si spera adesso che Babbo Natale porti la lieta novella, almeno della messa in sicurezza dei siti. Ossia, i cartelli informativi e la bonifica. Perché fino a oggi, non ci sono né i primi né tantomeno è stata resa fruibile l’area con un’opera di rimozione delle esche avvelenate dopo il caso dei due cani e una volpe selvatica morti per avvelenamento tra i rifugi di Monte Scavo e la Galvarina. Gli accertamenti tossicologici sul primo cane hanno evidenziato la presenza del methomyl, un pericoloso principio attivo usato come antiparassitario. Ancora sul secondo cane e sulla volpe, l’Istituto Zooprofilattico sperimentale di Catania non si è ancora pronunciato, in attesa dei tempi necessari per gli accertamenti definitivi. 

Naturalmente, il terzo punto è altrettanto importante: che le indagini si svolgano al più presto per identificare i responsabili di questi gesti assassini, che ancora oggi a distanza di un mese mettono in pericolo soprattutto la vita degli escursionisti in genere, frequentatori della zona compresa tra i rifugi Galvarina, Monte Palestra e Monte Scavo. L’esca avvelenata, infatti, si presenta come un omogeneizzato che può essere riscontrato sui massi, spalmato, a diretta portata di mano.

L’ordine di servizio impartito dalla direzione dell’Azienda Foreste Demaniali al personale di stanza all’ingresso della Filiciusa-Milìa è quello di avvertire del pericolo gli escursionisti in entrata con bambini e con i cani al seguito. «Assieme all’Azienda Foreste – dice il comandante del Corpo Forestale, Luca Ferlito –, stiamo allestendo dei cartelli informativi, e quanto prima di concerto l’Asp di Catania, faremo la bonifica dei siti, con la rimozione delle esche avvelenate». 

Per questa ragione, gli operai forestali di stanza avranno i termini lavorativi di fine stagionalità prolungati, «in modo da assicurare un apporto alla riduzione del rischio, informando i frequentatori», fanno sapere dalla direzione dell’Azienda Foreste.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews