Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Due giorni di eventi in ricordo di Pippo Fava
31 anni dopo, la mafia comanda ancora a Catania?

La sera del 5 gennaio 1984 Cosa Nostra uccideva il direttore dei Siciliani. Nella città etnea e a Palazzolo Acreide, domenica e lunedì, si ricorderà il giornalista e scrittore con incontri e dibattiti organizzati dalla Fondazione Fava e dai Siciliani giovani. Tra gli altri saranno presenti Lirio Abbate, Sebastiano Ardita e Rosy Bindi

Redazione

Giornalismo e teatro. Mafia e società civile. Cosa Nostra a Catania 30 anni dopo. Sono i temi al centro degli incontri che si svolgeranno a Catania e Palazzolo Acreide per il 31esimo anniversario della morte di Giuseppe Fava, giornalista e scrittore ucciso dalla mafia il 5 gennaio del 1984.

Come ogni anno la fondazione Fava e i Siciliani Giovani organizzano alcuni momenti per ricordare il direttore che siano anche occasione di confronto sull'attualità. Si comincia domenica. Alle 17 a Palazzolo Acreide, paese del Siracusano dove Fava è nato, nell'aula consiliare del Comune, si terrà la proiezione del film I Ragazzi di Pippo Fava. Seguirà un incontro dibattito su Il giornalismo di ieri e di oggi, quello de I Siciliani di Fava e quello odierno. A parlane, insieme al moderatore Damiano Chiaramonte, Elena BrancatiRiccardo Orioles ci saranno due giovani giornalisti siciliani a cui la Fondazione Fava ha assegnato un riconoscimento: Lorenzo Tondo, di Repubblica Palermo, che riceverà il premio Fava Giovani e Ismaele La Vardera, menzione speciale per l’inchiesta che ha fatto emergere il sistema illecito con cui venivano scelti gli scrutatori di Villabate.

Sempre alle 17 a Catania, al palazzo Platamone in via Vittorio Emanuele - nei locali della Scuola d’Arte drammatica del teatro Stabile, intitolata ad Umberto Spadaro - verrà proposto un approfondimento su Giuseppe Fava che prende le mosse dalla sua opera teatrale Il proboviro. Insieme al giornalista Nino Milazzo, presidente dello Stabile, interverranno Elena Fava, presidente della Fondazione intitolata al padre, e il critico teatrale e letterario Sergio Sciacca. L’evento sarà curato dal regista Federico Magnano San Lio. 

Il proboviro. Opera buffa sugli italiani fu pubblicata nel 1972 e messa in scena dallo Stabile di Catania nello stesso anno. Si tratta di una piece satirica surreale in cui un ex impiegato è ridotto in miseria a causa dei soprusi del potere, mentre un malvagio imprenditore corrompe con il denaro giudici e politici. E chi è caduto nella rete lasciandosi corrompere, non sa più se lo ha fatto per avidità, debolezza, o peggio per paura. Un'impietosa radiografia della politica. A leggere i passi più significativi dell'opera saranno gli attori Aldo Toscano, Liliana Lo Furno, Francesco Russo, Camillo Mascolino, Giampaolo Romania, Federico Fiorenza. 

Lunedì 5 alle 17 e 30 amici, colleghi e semplici cittadini si riuniranno sotto la lapide di via Fava, di fronte il teatro Stabile, che ricorda l'uccisione del giornalista, freddato il 5 gennaio del 1984 in quella strada, allora via dello Stadio, sulla sua Renault 5 mentre andava a prendere la nipotina al teatro. La giustizia, più di dieci anni dopo, chiarirà che il mandante dell'omicidio fu Nitto Santapaola, numero uno di Cosa Nostra catanese. Voleva mettere a tacere una voce scomoda che, soprattutto nell'ultimo anno con la nascita del mensile I Siciliani, denunciava la commistione di affari illeciti tra mafia e imprenditoria catanese. Per anni alla commemorazione della lapide le istituzioni cittadine sono rimaste assenti. Ad eccezione dell'attuale procuratore capo Giovanni Salvi e del sindaco Enzo Bianco

Alle 18 al Centro culturale Zo incontro dibattito sul tema La mafia comanda (ancora) a Catania? Ne parleranno Lirio Abbate, giornalista de L'Espresso, sotto scorta per le sue inchieste, ultima quella sulle connessioni tra mafia ed estrema destra a Roma; il magistrato Sebastiano Ardita, procuratore aggiunto a Messina ed ex capo dell'ufficio detenuto del Dap; Rosy Bindi, presidente della commissione parlamentare antimafia e il vice Claudio Fava, giornalista e deputato. A Lirio Abbate verrà consegnato anche il premio nazionale Giuseppe Fava Nient'altro che la verità. 

Infine, alle 21 nella sede di Cittàinsieme, nella parrocchia Santi Pietro e Paolo di via Siena, si terrà la tradizionale assemblea dei Siciliani giovani, in cui verranno esposte le iniziative per il 2015: la rivista, i libri, i seminari e le assemblee. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×