Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Operazione Terra mia, Motta parte civile
«Per tutelare interessi e immagine del Comune»

Tra pochi giorni, il 15 gennaio, partirà il processo che mette sotto accusa un dipendente regionale dell'assessorato Territorio e ambiente e i dirigenti di tre discariche in tutta la Sicilia. Tra queste anche quella di proprietà della Oikos spa, nel territorio mottese. La giunta guidata dal primo cittadino Carrà nominerà con provvedimento urgente un legale per tutelare la cittadina

Carmen Valisano

Motta Sant'Anastasia si costituirà parte civile nel procedimento scaturito dall'operazione Terra mia. L'inchiesta della procura della Repubblica di Palermo, resa nota lo scorso luglio, ha messo in luce un sistema di presunte corruzioni nella gestione delle discariche private in tutta la Sicilia. Nell'indagine è coinvolta la Oikos spa, azienda proprietaria della contestata discarica nel territorio mottese, da qui la decisione presa dalla giunta guidata dal primo cittadino Anastasio Carrà che mira a tutelare «gli interessi e l'immagine del Comune di Motta Sant'Anastasia». Come si legge nella delibera firmata lo scorso 2 gennaio, dal lavoro della procura «emergono, tra l'altro, inquietanti scenari in merito alle attività di gestione dei rifiuti nella discarica sita in territorio comunale e di cui è titolare la suddetta società». 

Secondo gli inquirenti palermitani, fulcro del meccanismo sarebbe stato Gianfranco Cannova (dipendente dell'assessorato regionale Territorio e ambiente) che avrebbe rilasciato autorizzazioni alle attività di diversi impianti senza i relativi controlli, accettando denaro, regali e viaggi, agevolando gli iter per gli impianti amici. Un eventuale quadro di corruzione preoccupante nel quale sarebbero coinvolti il proprietario della Oikos spa Domenico Proto, gli imprenditori Giuseppe Antonioli (amministratore della discarica di Mazzarrà Sant'Andrea, in provincia di Messina) e i fratelli Calogero (ex senatore della Casa delle libertà) e Nicolò Sodano, responsabili della Soambiente di Agrigento. 

Tutti gli indagati sono stati rinviati a giudizio e giovedì 15 gennaio compariranno davanti ai giudici del tribunale di Palermo. Così, quasi sei mesi dopo l'apertura del fascicolo e gli arresti domiciliari per Proto, i rappresentanti del Comune mottese propongono di «costituirsi parte civile nel procedimento penale scaturito dall'operazione», e - con provvedimento esecutivo, data l'urgenza - «dare mandato al sindaco di provvedere con propria determina a nominare il professionista di fiducia». Una mozione uguale, condivisa da tutta l'opposizione, era stata già approvata dal consiglio comunale a ridosso dello scandalo. Anche il sindaco del vicino Comune di Misterbianco, Nino Di Guardo, negli infuocati giorni successivi, aveva annunciato la stessa misura. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×