Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Giarre, violenta rissa tra minori stranieri all'Ipab Bonaventura
Ombre su rete di cooperative che gestisce i centri nella zona

Un video, apparso su Facebook e poche ore dopo eliminato, mostra la lite a calci e bastonate tra due ragazzi stranieri nella struttura di via Alcide de Gasperi. Nella totale assenza di educatori o dipendenti. La comunità è affidata alla coop Ambiente e Benessere, il cui numero uno Giovanni Pellizzeri gestisce altri centri simili. In uno di questi a ottobre un sedicenne è stato accoltellato

Bastonate, colpi di sedia, calci e pugni. Un lunghissimo minuto di violenza tra alcuni minori stranieri ospiti dell'Ipab Bonaventura di Giarre. E' quanto mostra un video apparso oggi pomeriggio su Facebook, pubblicato dal consigliere comunale di maggioranza Giovanni Barbagallo. I fatti risalirebbero a una decina di giorni fa, le immagini sono state riprese con un cellulare da un residente della zona. Ma il video, dopo essere stato caricato sul social network, è scomparso dopo poche ore. 

A gestire il centro per minori richiedenti asilo è la cooperativa Ambiente e Benessere, riconducibile a Giovanni Pellizzeri. La comunità ha sede nell'edificio di via Alcide De Gasperi, a pochi metri dalla centralissima piazza Duomo, e ospita una quarantina di minori stranieri non accompagnati. Il video amatoriale mostra la violenta rissa avvenuta sulla terrazza, in cui i protagonisti sono due ragazzi. Attorno a loro altri tre minori, dapprima assistono alla scena, poi, dopo circa un minuto, intervengono per separare i due litiganti. Il tutto nella totale assenza di educatori o personale della comunità. Dalla cooperativa Ambiente e Benessere fanno sapere che si tratta di un caso isolato, risolto senza conseguenze nel giro di pochi minuti. 

Eppure sembra difficile parlare di un episodio singolo. Giovanni Pellizzeri - già promotore dell'associazione Nostra Mascali e secondo indiscrezioni prossimo candidato a sindaco dello stesso comune ionico, sciolto nel 2012 per mafia - gestisce, senza esserne però direttamente titolare, diversi centri simili nel comprensorio, tra Giarre e Mascali, tra cui Le ore felici, struttura riconvertita da centro per anziani a comunità per stranieri. Proprio in una di quest'ultime, la comunità Esperenza di Nunziata, a ottobre si è verificato un fatto molto inquietante. 

Uno degli ospiti, un sedicenne di origini nigeriane, è stato picchiato e accoltellato. Le indagini dei carabinieri portarono all'individuazione e all'arresto dei due autori. Si trattava di un dipendente, il 32enne Francesco Sagona. L'altro, risultato irreperibile alle forze dell'ordine, sarebbe stato proprio uno dei figli di Pellizzeri. Raccapricciante il racconto che in quell'occasione fece la giovane vittima che raccontò di essere stato attratto con l'inganno da Sagona sulla sua macchina e di essere stato portato in una zona isolata della frazione marinara di Fondachello, dove veniva picchiato e accoltellato. Il giovane riusciva a tornare a piedi a Nunziata dove l'indomani mattina veniva trovato sanguinante davanti al bar del paese. Ancora più assurdo il movente alla base del raid punitivo: le frequenti proteste del giovane per i ritardi nel rilascio dei documenti per l'asilo

Stesse ragioni per cui qualche mese fa anche i minori ospiti della comunità di via Alcide de Gasperi a Giarre inscenarono una protesta. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×