Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

A Catania si discute il destino della sanità siciliana
Basile: «La Regione deve venirci incontro»

Una giornata dedicata alla sanità regionale, per trovare una soluzione condivisa tra gli attori del settore. Sul tavolo dei relatori il difficile compito di individuare le giuste strategie per garantire ai pazienti cure appropriate, efficienza organizzativa e innovazione tecnologica 

Luigi D'Angelo

«Sul sistema sanitario regionale pesano numerose criticità. Dobbiamo lavorare sull'innalzamento della efficienza organizzativa e sulla riduzione degli sprechi. In tal senso, la negoziazione del budget è determinante, specie in un momento in cui la spesa sanitaria risulta vittima di continue contrazioni. È chiaro che per fare questo la Regione deve venirci incontro». Il presidente della scuola di medicina di Catania, Francesco Basile, traccia le linee guida del primo convegno regionale dedicato alla chirurgia siciliana, che prenderà avvio lunedì prossimo nella sede dell'hotel Nettuno. Un incontro dal titolo significativo: «Appropriatezza delle Cure, Efficienza Organizzativa ed Innovazione Tecnologica in Chirurgia». L'evento vedrà protagonista anche l'assessora regionale alla sanità Lucia Borsellino insieme ad un nutrito parterre di specialisti del settore.

Il colloquio più stretto tra istituzione e operatori sanitari, caratterizzato dalla concertazione delle decisioni sullo sfondo dell'austerity paventata dall'esercizio provvisorio, diviene elemento essenziale in questa controversa fase economica. In un comparto come la sanità, che in Sicilia ha sempre conosciuto il peso degli sprechi e la scarsa valorizzazione delle prestazioni. Con un'altalena incomprensibile di interventi sovra - pagati a scapito di altri sottodimensionati. 

 «È di fondamentale importanza - ha spiegato Basile - concentrarsi sulle nuove tecnologie e comprenderne la reale efficacia in rapporto alla sostenibilità del sistema sanitario. Oggi, ad esempio, la valutazione dei rimborsi è antiquata perché non si tiene conto di molti fattori. Basti pensare agli interventi che vengono effettuati utilizzando moderni sistemi di microchirurgia, ma che vengono rimborsati con vecchie tariffe, secondo cioè parametri che si riferiscono a operazioni di molto tempo fa. In sostanza, la somma che viene destinata risulta inferiore rispetto al tipo di intervento. Questo è un problema di cui noi chirurghi ci lamentiamo sempre». 

Il confronto si snoderà attraverso tre sessioni di lavoro, caratterizzate da una serie di relazioni tecniche, seguite da un libero scambio di opinioni tra i partecipanti. In un quadro che presenta numerosi lati oscuri, a cominciare dalla mancata consapevolezza della burocrazia di poter usufruire di nuove e allettanti opportunità finanziarie.

«In Sicilia, per la  ricerca sanitaria esistono moltissimi strumenti di finanziamento - afferma Antonio Biondi, responsabile scientifico del convegno - Possibilità sconosciute agli operatori. A tal proposito abbiamo previsto una specifica area tematica all'interno dell'evento, con l’intento di individuare tutte le opportunità derivanti anche dai fondi europei. Che in questi anni sono stati male utilizzati».

La presentazione del meeting è stata introdotta dal magnifico rettore dell'università di Catania, Giacomo Pignataro. «Il convegno - ha spiegato il rettore - mette insieme gli attori della sanità e dell’università. Siamo felici della realizzazione di questo evento, che abbiamo fortemente voluto perché il nostro ateneo esprime molte eccellenze in ambito sanitario. L'università di Catania è protagonista e questo ci rende orgogliosi».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×