Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

«Io accoltellato da chi mi doveva proteggere»
I minori stranieri nelle comunità di Giarre e Mascali

Nei Comuni ionici i giovani migranti sono ospiti di alcune strutture riconducibili allo stesso proprietario. Tra autorizzazioni mancanti e i servizi sociali all'oscuro di quanto avviene all'interno, si sono registrati anche gravi episodi di violenza

Salvo Catalano

Un ragazzo nigeriano accoltellato nel cuore della notte. Mancanza delle autorizzazioni e dei requisiti che la normativa impone. Scarse condizioni igieniche. Servizi sociali del Comune all'oscuro di quanto succede dentro le strutture. Presunte irregolarità al vaglio della magistratura nei contratti di affitto. Per i minori stranieri non accompagnati che vengono inviati nelle comunità di Giarre e Mascali, in provincia di Catania, le difficoltà non finiscono dopo un viaggio lungo mesi. A gestire le strutture sono due cooperative diverse, ma riconducibili alla stessa persona: Giovanni Pellizzeri, 54enne imprenditore di Mascali, alle spalle un lungo elenco di aggiudicazioni di appalti pubblici, prossimo candidato sindaco del Comune ionico che esce da due anni di commissariamento dopo essere stato sciolto per infiltrazioni mafiose.

Il business dell'accoglienza è l'ultimo tassello di un piccolo impero che Pellizzeri ha costruito negli ultimi due decenni, partendo dall'attività di ristorazione - con il servizio mensa di diverse scuole e ospedali nel Catanese - con la cooperativa Ambiente e benessere, a lui riconducibile ma di cui la moglie è la responsabile. Nel 2012 si aggiudica per 500mila euro la gestione della mensa sociale del Comune di Catania, in via Vincenzo Giuffrida. Nel 2013 l'appalto all'ospedale di Caltagirone gli viene revocato per criticità legate alla scarsa igiene degli alimenti, al confezionamento dei pasti e delle stoviglie, alla qualità e alla quantità del cibo. Nel Catanese gestisce comunità per minori stranieri non accompagnati Giarre, Mascali e Sant'Alfio. Proprio in una di queste, nella comunità Esperanza di Nunziata, frazione di Mascali, gestita da un'omonima coop, avviene un fatto inquietante, su cui nei giorni scorsi anche il Tg3 nazionale ha posto l'attenzione

«Esci, parliamone fuori». L'incubo di Mohamed (nome di fantasia) inizia intorno all'una di notte. Arrivato in Sicilia in estate, il giovane nigeriano è da alcune settimane nella comunità dove guida le proteste per i ritardi e la mancanza di informazioni sul rilascio del permesso di soggiorno. «Nessuno era felice - racconta Mohamed - il cibo non andava bene; non c’erano vestiti a sufficienza e se uno stava male non poteva andare all’ospedale. I responsabili della comunità non ci hanno mai parlato dei nostri diritti, come un tutore ad esempio. Dicevano sempre bugie».

La notte del 3 ottobre 2014 Francesco Sagona, 32enne che lavora nella comunità, avrebbe svegliato Mohamed per risolvere i problemi a tu per tu. Particolare confermato dal compagno di stanza del ragazzo. «Sono salito in macchina e lui ha chiuso a chiave - ricorda Mohamed - Poi ha fatto una telefonata, un po’ in italiano e un po’ in siciliano. Mi ha detto che era sua moglie, ma io so che parlava con Mario. Sentivo la sua voce». Mario Pellizzeri è uno dei figli di Giovanni, quest'ultimo considerato anche dal giovane nigeriano «il capo». «Ho chiesto a Francesco perché giravamo per Mascali e lui mi ha detto “No problem, voglio parlare”. Abbiamo proseguito verso il lungomare, gli ho chiesto di riportarmi a casa e lui mi diceva di stare tranquillo. Intanto un’altra auto si avvicinava, eravamo in movimento ma io ho aperto la portiera e sono sceso».

I componenti delle due auto, quattro uomini, seguono Mohamed. «Ho cominciato a correre, poi mi sono arrampicato su un cancello per entrare nel cortile di un hotel. Mentre scavalcavo, ho visto due uomini che non conoscevo insieme a Francesco. Mi hanno colpito da dietro con qualcosa di tagliente, alla schiena e alle gambe. Hanno forzato il cancello d'ingresso e sono entrati nel cortile, in quel momento ho visto Mario. Ero sporco di sangue, ho rotto un vetro e sono entrato nell'hotel che era chiuso, trovando rifugio sul tetto».

L'indomani mattina il giovane nigeriano viene trovato insanguinato davanti alla porta di un bar che era solito frequentare. Il ragazzo viene portato in ospedale e, lo stesso giorno, trasferito d'urgenza insieme al compagno di stanza in un'altra comunità. La polizia nelle ore successive arresta Francesco Sagona. Mario Pellizzeri rimane latitante per qualche giorno, poi si consegna alle forze dell'ordine. Entrambi oggi sono in libertà, in attesa delle chiusura della indagini, e Mario Pellizzeri continua ad avere un ruolo operativo, seppur non formale, nelle comunità per minori di Giarre e Mascali. Il reato contestato ai due è stato derubricato da sequestro di persona a violenza privata, mentre l'esame radiografico del polso ha dichiarato Mohamed maggiorenne. 

Ma le presunte irregolarità non finiscono qui.

Leggi anche: Minori stranieri, comunità priva dei requisiti. Ma dalla Regione: «Hanno tutte le carte in regola».

Leggi anche: «Un intero palazzo in affitto, ma neanche un euro pagato». La Procura indaga sui contratti della comunità di Giarre.

Leggi anche: La rissa alla comunità per minori stanieri di Giarre. In un video le violenze tra un gruppo di migranti.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews