Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Etna, reportage dal fronte della nuova colata
Salvi il rifugio Galvarina e il bosco di San Gualberto

Ieri una nuova colata proveniente dal cratere di Sudest si è spinta fino a quota 1800 metri nei territori di Biancavilla e Ragalna. Scatenando la preoccupazione per la sorte della Pista Altomontana e della Pineta di Biancavilla. Lo scrittore e naturalista Sergio Mangiameli è andato a verificare di persona la situazione con il Corpo Forestale e l'Azienda Foreste. Guarda le foto

Sergio Mangiameli

Foto di: Sergio Mangiameli

Foto di: Sergio Mangiameli

Abbiamo voluto fare alla vecchia maniera: attaccarsi gli scarponi stretti e andarci. L’oggetto è la colata del Sudest, che stavolta ha preso la pendenza di occidente, riversandosi ieri nei territori di Ragalna e Biancavilla. Ieri sera su Facebook impazzavano certe fotografie spettacolari, in cui si vedeva un fronte biforcuto in apparenza relativamente basso. Anche alcuni siti di informazione davano per certo l’arrivo del fronte a quota 1800, e le domande di preoccupazione rimbalzavano: è stato preso il Rifugio della Galvarina? La Pista Altomontana è stata tagliata? La Pineta di Biancavilla è spacciata? L’unica risposta era andare a vedere con i propri occhi.

Grazie alla collaborazione del Corpo Forestale e dell’Azienda Foreste, guidati dai fratelli Nino e Salvo Longo, guide alpine vulcanologiche dell’Etna, a bordo di una motoslitta ci siamo infilati nell’inverno gelido dentro boschi incantati, immersi in scenari e luci di cui tutti dovrebbero goderne, almeno una volta nella vita. Non per nulla anche questa parte di Etna è zona A, di riserva integrale del Parco, e sito Unesco patrimonio dell’umanità.

Fronte lavico. Foto di Orazio Distefano (Parco dell'Etna)

Fronte lavico, braccio Nord Ovest

I monti Nebrodi innevati

La guida alpina Salvo Longo in perlustrazione

Tratto della Pista Altomontana. Sullo sfondo il lago di Lentini

Zappini "vestiti" d'inverno

Superiamo il bosco di San Gualberto (Monte Denza) e proseguiamo lungo la Pista Altomontana. Le nuvole scorrono veloci, tagliando quasi il fianco della montagna, dove però s’intravede qualcosa. «E’ lì – dice forte Salvo –. E’ quello il fronte del braccio di destra». Scendiamo e in alto, al limite della nebbia, in effetti scorgiamo del nero nuovo, che però è distante. «Saranno almeno 600 metri da qui» – considera Nino. Decidiamo di proseguire lungo la Pista, per andare a vedere l’altro pezzo, quello più a ovest. Avrà già raggiunto la Pista? E’ la domanda che ci facciamo in silenzio, con la speranza che non sia così.

A un certo punto, subito dopo aver ammirato i Nebrodi ammantati di neve, alcuni accumuli esagerati ci spingono a fermare la motoslitta e proseguire a piedi. Usciamo fuori dagli ultimi scampoli di pineta per immergerci nel deserto esposto della colata del 1610. Il fronte che cercavamo è proprio lassù, «più o meno alla stessa distanza dalla Pista, dell’altro», rileva Nino. Si trova alla destra di Monte Pecoraro, pressoché fermo, a una quota all’incirca uguale (2250 m). E’ mezzogiorno, consideriamo. «Sembra non essere così tanto alimentato, dopo il bollettino ufficiale della Prefettura di stamattina che faceva riferimento alla mezzanotte di ieri«, osserva Nino. Salvo si allontana, risale il costone, scompare e dopo un po’ ritorna: «E’ quasi fermo del tutto, va lento, per inerzia».

E’ dello stesso parere Orazio Distefano, guida del Parco dell’Etna, col quale siamo in contatto. Distefano si trova a una quota più bassa, nei pressi di Case Mirìo, dove però la visione d’insieme è migliore. «Il fronte più a nord-ovest – ci dice – è quasi fermo. Quello a sud-est, sulla sinistra di Monte Scavo, se dovesse essere ancora alimentato potrebbe dividersi in due. Ma allo stato attuale, sia la spinta a monte che la pendenza sono diminuite».

Ci rimettiamo in sella e facciamo manovra per tornare col cuore più calmo, godendoci un luogo da favola. Galvarina, Pista Altomontana e bosco di San Gualberto sono salvi. Per oggi.  

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews