Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Fuochi d'artificio abusivi dentro al Bastione degli infetti
Via Plebiscito, botti pronti per il passaggio di Sant'Agata

Centinaia di mortai pronti a esplodere al passaggio del fercolo - nel corso del giro esterno - davanti a via Torre del vescovo. È quello che la polizia ha rinvenuto ieri sera sul prato delimitato dalle mura di Carlo V. «Sono entrati senza autorizzazione», precisano dal comitato Antico corso, che possiede le chiavi della struttura. Guarda le foto

Redazione

Trentuno batterie di fuochi d'artificio da 100 e 200 mortai da far esplodere al passaggio del fercolo di Sant'Agata da via Torre del Vescovo, nei pressi di via Plebiscito, in occasione del giro esterno. Ma i botti, illegali, erano posizionati all'interno del Bastione degli infetti, luogo storico che fa parte delle fortificazioni fatte costruire da Carlo V. È la scoperta effettuata dagli uomini della polizia che in questi giorni presidiano le vie interessate dalla processione della patrona di Catania. Gli agenti, dopo essersi arrampicati sul muro che delimita il cortile, hanno trovato i mortai di calibro compreso tra i due e i tre centimetri e un'altra batteria con ordigni da cinque centimetri. I fuochi, di fabbricazione artigianale, secondo gli inquirenti sarebbero stati esplosi al passaggio della Santa all'angolo tra via Plebiscito e via Antico Corso. 

«Ovviamente il Bastione era chiuso e chi ha messo lì i fuochi d'artificio l'ha fatto entrandoci senza chiedere il nostro permesso», afferma Salvatore Castro, del comitato popolare Antico corso. È lui, assieme ad altri cittadini dell'associazione, a possedere le chiavi del catenaccio d'ingresso alla struttura. Quello stesso lucchetto che lo scorso 17 gennaio era stato manomesso con della colla. «Lo scorso anno qualcuno del quartiere ci aveva chiesto di aprire per far sparare i botti dal cortile ma - visto che non siamo i proprietari del Bastione - avevamo risposto di no. Quest'anno ci hanno bypassato totalmente», spiega.

Secondo la polizia, il «materiale aveva una forte carica esplosiva e la sua accensione senza autorizzazione e senza il rispetto delle prescrizioni impartite della autorità di pubblica sicurezza, che tra le altre cose prescrivono precise distanze di sicurezza dalle abitazioni, avrebbe potuto costituire un grosso pericolo per le migliaia di persone, e tra queste molti turisti, che partecipano alla festa». L'esplosivo è stato sequestrato e il magistrato di turno ne ha disposto la distruzione.

-

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×