Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Omicidio al Maas, vigilantes condannato a due anni e 6 mesi
L'accusa passa da omicidio a eccesso di legittima difesa

Il pubblico ministero aveva chiesto per Graziano Longo Minnolo la pena di 14 anni per la morte di Giuseppe Giuffrida. Ma il giudice Marina Rizza ha derubricato l'omicidio volontario. I legali della famiglia della vittima annunciano ricorso

Redazione

È stato condannato a due anni e sei mesi di reclusione Graziano Longo Minnolo, il vigilantes di 35 anni accusato di aver ferito con un colpo di pistola Giuseppe Antony Giuffrida, 22 anni, morto il giorno dopo. L'omicidio è avvenuto il 4 ottobre 2012 all'interno dei Mercati agro alimentari Sicilia. Il gup Marina Rizza ha derubricato l'accusa da omicidio volontario a eccesso di legittima difesa. Il pubblico ministero Angelo Brugaletta aveva chiesto la condanna a 14 anni. I legali della famiglia di Giuffrida hanno annunciato ricorso. 

L'omicidio è avvenuto all'ingresso del Maas ed è stato ripreso dalle immagini del sistema di videosorveglianza. Durante una lite tra Graziano Longo Minnolo e Giuseppe Giuffrida, il primo avrebbe puntato la pistola in dotazione per il servizio di vigilanza esplodendo un colpo all'addome del 22enne, morto il giorno dopo in ospedale. 

«Non c'è giustizia, è stato ammazzato per la seconda volta», hanno commentato i familiari di Giuffrida. «Ho dovuto subire la improvvisa perdita di mio figlio - ha detto la madre, Giovanna Mirabella - il bene più prezioso che potessi avere, ho dovuto sopportare che l'assassino di mio figlio scontasse da subito la sua pena agli arresti domiciliari e adesso dovrei accettare che chi ha ammazzato a sangue freddo mio figlio Giuseppe sia punito con una condanna tanto insensata, quanto assurda?». E ha aggiunto: «Non è possibile che il giudice abbia trascurato la prova evidente della volontarietà dell'azione dell'assassino che, ripreso dal sistema di videosorveglianza del Maas, impugnava la pistola verso Antony come se fosse stato il protagonista di un video gioco. Mio figlio - ha concluso - era andato a lavorare, era disarmato eppure è stato colpito a distanza ravvicinata all'addome da un proiettile, sparato da chi oggi è stato condannato a soli due anni e mesi sei di reclusione, il che peraltro, vuol dire che tra non molto tornerà assolutamente libero».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×