Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Giovanni Caccamo, un giovane cantautore in salotto
«Per conoscere Battiato, tre ore dietro un cespuglio»

Un appostamento davanti a una casa di villeggiatura gli è valso una collaborazione a un brano del più celebre autore etneo. Ma lui, il modicano vincitore di Sanremo giovani, mantiene i piedi per terra. E riparte da un tour sui generis: in casa degli altri. Per candidare il proprio soggiorno basta andare sul suo sito

Chiara Chines

Dai salotti d’Europa al palco dell’Ariston, passando per l’illustre collaborazione con Franco Battiato: Giovanni Caccamo, giovane cantautore di Modica, ha raccolto i frutti di tanta gavetta, vantando apparizioni televisive, un sodalizio artistico con il maestro Battiato nel brano L’indifferenza e un tour decisamente sui generis. Live at home, infatti, non si teneva nei locali o nelle piazze, bensì nei salotti di casa di chi volesse accogliere la sua musica e un piccolo pubblico, mettendo semplicemente a disposizione il proprio spazio e un pianoforte.

Cantautore polistrumentista ha conquistato non solo il titolo di vincitore della sezione giovani del 65esimo Festival di Sanremo, ma anche il premio della critica Mia Martini, il premio Emanuele Luzzati e il premio sala stampa Lucio Dalla. Inoltre è coautore del brano Adesso e qui (nostalgico presente) presentato alla kermesse da Malika Ayane e arrivato al terzo posto nella categoria big.

Molti giovani artisti mirano ai talent per emergere, tu hai scelto Sanremo: come mai?
«Prima di essere cantante sono autore, nei talent non si ha subito l’opportunità di interpretare i propri lavori ma bisogna attendere una decina di puntate. Quindi per quanto i talent siano un ottimo canale per chi canta, trovo che il Festival di Sanremo sia più adatto a chi scrive, oltre a cantare».

La tua vita prima e dopo Sanremo. Cosa è cambiato?
«Quasi niente, si hanno solo più cose da fare. Adesso sono più felice, perché potrò portare a conoscenza il mio album a molte più persone, grazie alla mia vittoria e all’esperienza sanremese. Inoltre potrò iniziare un tour nei teatri, una cosa che ho sempre sognato. Per quanto riguarda l’aspetto relazionale non è cambiato nulla, le persone che hanno sempre fatto parte della mia vita non mi guardano con occhi diversi, anche perché ho mantenuto la mia semplicità».

Com’è nata la tua collaborazione con Franco Battiato?
«Circa due anni e mezzo fa mi sono appostato per tre ore dietro un cespuglio, in attesa che uscisse da una casa che aveva affittato per le vacanze. Quando l’ho visto sono uscito dal mio nascondiglio e l’ho fermato, lui mi ha guardato un po’ male, date le circostanze, ma alla fine ha accettato di prendere con sé il mio cd, l’ha ascoltato e lo stesso pomeriggio mi ha chiamato manifestandomi il suo apprezzamento. Da lì è nato il nostro rapporto artistico».

Visto il successo delle edizioni precedenti, realizzerai un Live at home 3.0?
«Assolutamente sì, partirà il prossimo aprile, sarà composto da dieci date ed è possibile candidarsi inviando un’email a liveathome@giovannicaccamo.it. Nelle due edizioni precedenti ho avuto modo di suonare anche in Francia, Spagna, Germania e Svizzera, per cui spero si candidino anche le altre nazioni»

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×