Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Aci Catena, l'ex sindaco Nicotra condannato
Deve rimborsare 60mila euro per danno erariale

Cinque incarichi esterni per l'«unità di staff intersettoriale alle dipendenze del sindaco» sono costati all'ex primo cittadino un lauto risarcimento al Comune che un tempo presiedeva. Secondo la Corte dei Conti, la condotta di Nicotra sarebbe stata sintomatica di una «colpa grave»

Simone Olivelli

Ha violato i principi fondamentali che presiedono all’attività amministrativa, nonché disposizioni di facile interpretazione causando un danno al Comune di Aci Catena di quasi 60mila euro. A dirlo è la sezione giurisdizionale siciliana della Corte dei Conti nella sentenza di condanna per danno erariale emessa nei confronti dell’onorevole Raffaele Pippo Nicotra. Il pronunciamento dei magistrati, presieduti da Luciana Savagnone, fa riferimento al periodo in cui il deputato regionale di Articolo 4 – ma tra gli aspiranti alla casacca del Partito democratico – era sindaco del Comune di Aci Catena

Nel 2008, Nicotra con una delibera di giunta – la numero 145 – aveva creato una «unità di staff intersettoriale alle dipendenze del sindaco», composta in parte da dipendenti comunali e in parte da consulenti esterni. Ed erano proprio parte di questi ultimi i cinque professionisti ai quali il primo cittadino aveva affidato compiti relativi all’organizzazione di manifestazioni culturali, alla gestione di problematiche ambientali e di protezione civile, allo sviluppo del territorio in merito alla programmazione delle opere pubbliche e al contrasto all’evasione tributaria. Tutti incarichi innovati più volte con determine sindacali. E che si sono protratti fino a metà del 2011. L’operato di Nicotra, tuttavia, spiegano i giudici, sarebbe stato manchevole di numerosi aspetti previsti dalla legge, a partire dal vincolo di ricorrere allo staff solo per quanto riguarda l’esercizio delle funzioni di indirizzo e di controllo. Obiettivi diversi dalle figure ricercate dal primo cittadino.

A tutto ciò va aggiunto, continua la sentenza, che le scelte dell’esponente di Articolo 4 sarebbero state viziate da poca trasparenza sia per quanto riguarda la chiarezza degli obiettivi da conseguire sia per la mancanza di un adeguato approfondimento della ricerca all’interno della pianta organica dell’ente. Dal canto suo, Nicotra ha provato a difendersi dalle accuse sostenendo che il conferimento degli incarichi in questione doveva ritenersi «momento di esercizio delle funzioni di indirizzo politico a lui spettanti», anche perché funzionale alla realizzazione del programma amministrativo. L'ex primo cittadino aveva anche sottolineato che i compensi dati ai professionisti erano inferiori agli emolumenti percepiti dal personale dell’ente.

Spiegazioni che però non hanno convinto la Corte dei Conti, che ha ribadito come l’intera gestione delle nomine e – soprattutto – delle riconferme degli incarichi sia stata portata avanti in maniera poco chiara ed eccessivamente approssimativa. Come nel caso, per esempio, della scelta di un dipendente proveniente da un’altra amministrazione pubblica (l’Agenzia regionale rifiuti e acque, ndr) a cui non era seguita la «messa in aspettativa senza assegni» così come previsto dalla legge. Per tutti questi motivi, i magistrati - che nell’azione di Nicotra hanno ravvisato quantomeno «l’elemento psicologico della colpa grave» - hanno deciso di condannare il deputato regionale al pagamento di 59.875,23 euro in favore del Comune di Aci Catena, più il pagamento delle spese processuali.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×