Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Librino, saccheggiata la scuola Brancati
«Rubati tutti i pc, non sappiamo come andare avanti»

L'amara sorpresa è avvenuta stamattina alla riapertura del plesso che si trova a pochi metri dal cmapo San Teodoro. Entrambe le strutture accomunate negli ultimi mesi da azioni di riqualificazione e da ripetuti furti e vandalismi. «Avevamo ricomprato i computer da poco grazie a un finanziamento europeo, adesso l'attività è paralizzata», spiega la preside. Guarda le foto

Salvo Catalano

Foto di: Leandro Perrotta

Foto di: Leandro Perrotta

Hanno provato a scassinare tutte le porte esterne, fino a quando non sono riusciti a entrare e a portare via una ventina di computer, compresi quelli degli uffici amministrativi. Abbastanza per paralizzare l'intera attività dell'istituto. La notte scorsa ignoti hanno fatto visita alla scuola Brancati, nel plesso di via Giaggiolo nella zona del San Teodoro. «La scuola deve andare avanti, anche se non so come perché hanno rubato tutto», commenta la preside Lucia Abramo.

Un colpo che arriva appena quindici giorni dopo il furto alla club house del campo San Teodoro, l'impianto sportivo gestito dai Briganti rugby che si trova a poche decine di metri dalla scuola. Entrambe le strutture negli ultimi mesi sono stati interessati dal progetto di rammendo delle periferie del senatore Renzo Piano. E nel quartiere si ipotizza che dietro le due azioni ci possa essere la stessa mano, quella di una banda di giovani.

E' la sesta volta in meno di due anni che la Brancati viene saccheggiata. «L'anno scorso avevano portato via altri pc - spiega la vicepreside Maria Gueli - Stavolta sono entrati sfasciando l'unico catenaccio esterno che c'era, visto che tutte le altre porte erano chiuse dall'interno». 

Hanno rubato circa venti computer, dieci dall'aula informatica, due da quella docenti e gli altri dai vari uffici. Compreso il server. La porta della segreteria, come quella della presidenza, è stata letteralmente abbattuta. «Avevamo ricomprato l'attrezzatura da poco grazie a un finanziamento europeo - sottolinea la preside Abramo - comprese le lavagne Lim e le telecamere di sorveglianza. Con i soli finanziamenti statali e regionali non avremmo potuto permettercelo. Adesso l'unico pc che ci resta è quello della presidenza, e giusto perché ogni giorno lo smonto e lo metto in cassaforte». 

I filmati delle videocamere sono stati acquisiti dai carabinieri che indagano, ma alcune telecamere sono state spostate e rotte dai ladri. Il furto ha di fatto bloccato le attività della scuola. Il plesso conta circa 450 alunni, per un totale di 18 classi, di cui cinque di asilo. Stamani, la gran parte dei bambini non è entrata. I carabinieri hanno effettuato le verifiche proprio all'orario del suono della prima campanella e molti genitori hanno preferito, vista la confusione, riportare i figli a casa. 

Solidarietà arriva dai volontari del Campo San Teodoro, anche loro vittime di numerosi atti vandalici da quando, nel 2012, hanno liberato dal degrado la struttura occupandola. L'ultimo episodio lo scorso 16 febbraio, quando è stata sfondata una parete della Club house. «Solidarietà ai docenti, ai dirigenti e soprattutto ai bambini che frequentano la scuola, perché chi ruba le attrezzature ad una scuola pugnala letteralmente i bambini che la frequentano. E, niente alibi, niente scuse, altro che crisi, lo fa con la perfetta consapevolezza del gesto che viene compiuto».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews