Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Rubavano le auto e chiedevano il cavallo di ritorno
Maxi operazione tra Catania ed Enna, 28 arresti

Su mandato della procura di Catania, gli agenti della Squadra mobile stanno applicando le misure cautelari nei confronti dei componenti di una associazione a delinquere. Fatta luce su quattro gruppi distinti - operanti a Picanello, Cibali, Trappeto-Balatelle e Cappuccini - che formavano una rete comune. Guarda il video e le foto

Redazione

Era un vero e proprio sistema finalizzato a furti di auto destinate ad altri reati o a intascare somme di denaro attraverso la ricettazione, il riciclaggio delle macchine o dei singoli pezzi, e le estorsioni con il cosiddetto cavallo di ritorno. La polizia ha sgominato quattro distinte associazioni che avevano base nei quartieri catanesi di Picanello, Cibali, Trappeto-Balatelle e Cappuccini. I gruppi agivano separatamente ma formavano una rete che si estendeva anche ad altri paesi della provincia di Catania e di Enna. 

La squadra mobile etnea ha eseguito - su delega della Procura - misure cautelari nei confronti di 28 persone, di cui molti pregiudicati e già detenuti. Le accuse a vario titolo sono associazione per delinquere finalizzata ai furti, ricettazione, riciclaggio ed estorsioni.

Le indagini sono iniziate nel dicembre del 2011 e sono proseguite fino a giugno del 2014. Vengono contestati 21 episodi di estorsione, 53 di ricettazione e 3 furti. Il denaro estorto ai proprietari per la restituzione della macchina veniva diviso tra i soggetti a cui si rivolgeva la vittima per ottenere l'auto e chi deteneva il mezzo o comunque era in grado di reperirlo. 

I quattro gruppi, infatti, seppur distinti agivano secondo una rete basata sulla conoscenza reciproca di alcuni soggetti, sullo scambio di informazioni e dei mezzi. 

Le indagini hanno evidenziato che detti sodalizi, sebbene autonomi, risultavano agire secondo una “rete” relazionale basata sulla conoscenza reciproca dei singoli accoliti dei diversi gruppi, sull’interscambio di informazioni - attraverso un lessico convenzionale comune - ed anche dei mezzi di esecuzione dei reati. Un sistema articolato che oltrepassava in confini della provincia di Catania per spingersi fino a Enna, dove in particolare avveniva il riciclaggio delle macchine.

Uno degli arrestati, Francesco Munzone, è stato fermato a Napoli, grazie alla collaborazione della squadra mobile del capoluogo campano. Due sono al momento ricercati. 

Francesco Cacia, classe 1982, pregiudicato, già sottoposto agli arresti domiciliari

Daniele Cadiri, classe 1982, inteso Padre Pio, pregiudicato, già sottoposto agli arresti domiciliari

Davide Cadiri, classe 1976, inteso Tedesco, pregiudicato, per il quale sono stati disposti gli arresti domiciliari

Giacomo Campofiorito, classe 1977, pregiudicato, per il quale sono stati disposti gli arresti domiciliari

Elio Catania, classe 1967, pregiudicato, già detenuto

Maurizio Famà, classe 1979, pregiudicato, già sottoposto agli arresti domiciliari

Luca Fiorenza, classe 1993, pregiudicato, per il quale sono stati disposti gli arresti domiciliari

Vittorio Fiorenza, classe 1981, inteso Pesce, pregiudicato, già detenuto

Pietro Gangemi, classe 1959, inteso Petru ‘u latru, pregiudicato, per il quale sono stati disposti gli arresti domiciliari

Davide Giarruso, classe 1977, detto A Lalla, pregiudicato, già detenuto

Benedetto La Martina, classe 1962, inteso Pippuzzu o Pippo, pregiudicato

Davide Maccarrone, classe 1976, inteso Talebano, pregiudicato

Michael Magliuolo, classe 1992, pregiudicato

Agatino Muni, classe 1982, pregiudicato

Francesco Munzone, classe 1977, pregiudicato, tratto in arresto a Napoli, per il quale sono stati disposti gli arresti domiciliari

Giuseppe Palazzolo, classe 1966, inteso Macchinetta, Pippu de Machini, Pippu ca’ lenti, pregiudicato

Gaetano Petralia, classe 1979, inteso ’u nanu pregiudicato, già detenuto

Massimo Prestandrea, classe 1974, pregiudicato

Daniele Raineri, classe 1974, inteso Pesciolino, pregiudicato

Jonathan Angelo Recca, classe 1987, pregiudicato

Giuseppe Alessio Salici, classe 1984, pregiudicato

Antonino Santonocito, classe 1967, inteso Nino Trippa, pregiudicato

Carmelo Scordino, classe 1978, pregiudicato, tratto in arresto a Napoli, per il quale sono stati disposti gli arresti domiciliari

Alessandro Trovato, classe 1963, con precedenti di polizia, per il quale sono stati disposti gli arresti domiciliari

Luciano Viglianesi, classe 1976, pregiudicato, già detenuto, per il quale sono stati disposti gli arresti domiciliari

Massimo Zuccarà, classe 1971, per il quale sono stati disposti gli arresti domiciliari

L'elenco degli arrestati:

1. CACIA Francesco, (cl. 1982), pregiudicato, già sottoposto agli arresti domiciliari;

2. CADIRI Daniele, (cl. 1982), inteso Padre Pio, pregiudicato, già sottoposto agli arresti domiciliari;

3. CATANIA ELIO, (cl. 1967), pregiudicato, già detenuto;

4. FAMA’ Maurizio, (cl. 1979), pregiudicato, già sottoposto agli arresti domiciliari;

5. FIORENZA Vittorio, (cl. 1981), inteso Pesce, pregiudicato, già detenuto;

6. GIARRUSSO Davide, (cl.1977) A Lalla, pregiudicato, già detenuto;

7. LA MARTINA Benedetto Giuseppe, (cl. 1962), inteso Pippuzzu o Pippo, pregiudicato;

8. MACCARRONE Davide, (cl. 1976), inteso Talebano, pregiudicato;

9. MAGLIUOLO Michael Giuseppe, (cl. 1992), pregiudicato;

10. MUNI Agatino, (cl. 1982), pregiudicato;

11. PALAZZOLO Giuseppe, (cl. 1966), inteso Macchinetta, Pippu de Machini, Pippu ca’ lenti pregiudicato;

12. PETRALIA Gaetano, (cl. 1979), inteso ’u nanu pregiudicato, già detenuto;

13. PRESTANDREA Massimo Salvatore, (cl. 1974), pregiudicato;

14. RAINERI Daniele, (cl. 1974), inteso Pesciolino, pregiudicato.

15. RECCA Angelo Jonathan, (cl. 1987), pregiudicato;

16. SALICI Giuseppe Alessio, (cl. 1984), pregiudicato;

17. SANTONOCITO Antonino, (cl. 1967), inteso Nino Trippa, pregiudicato;

18. SCORDINO Carmelo Salvatore, (cl. 1978), pregiudicato, già detenuto;

19. CADIRI Davide, (cl. 1976), inteso Tedesco, pregiudicato, per il quale sono stati disposti gli arresti domiciliari ;

20. CAMPOFIORITO Giacomo, (cl. 1977), pregiudicato, per il quale sono stati disposti gli arresti domiciliari;

21. FIORENZA Luca, (cl. 1993), pregiudicato, per il quale sono stati disposti gli arresti domiciliari;

22. GANGEMI Pietro, (cl. 1959), inteso Petru ‘u latru, pregiudicato, per il quale sono stati disposti gli arresti domiciliari;

23. MUNZONE Francesco, (cl. 1977), pregiudicato, tratto in arresto a Napoli, per il quale sono stati disposti gli arresti domiciliari;

24. TROVATO Alessandro, (cl. 1963), con precedenti di polizia, per il quale sono stati disposti gli arresti domiciliari;

25. VIGLIANESI Luciano, (cl. 1976), pregiudicato, già detenuto, per il quale sono stati disposti gli arresti domiciliari;

26. ZUCCARA’ Massimo, (cl. 1971), per il quale sono stati disposti gli arresti domiciliari.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×