Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Caso Sac, parla Lombardo dopo la richiesta di condanna
«Dovevo essere premiato per le scelte sull'aeroporto»

L'ex presidente della Regione siciliana commenta la richiesta di condanna a due anni e sei mesi per abuso d'ufficio per l'affido diretto del maggio 2007 alla Pubbliservizi Spa dell'appalto per la pulizia della nuova aerostazione dell'aeroporto di Catania. «Ho agito negli interessi della Provincia di cui ero presidente», ha dichiarato

Redazione

«Ho saputo della richiesta di condanna per la gara d'appalto della Sac concernente la pulizia dell'aeroporto. Per le scelte operate sullo scalo etneo, coraggiose e oneste, e per l'apertura della nuova aerostazione avrei dovuto essere premiato». Lo ha affermato l'ex presidente della Regione Siciliana Raffaele Lombardo commentando la richiesta di condanna a due anni e sei mesi di reclusione per abuso d'ufficio avanzata nei suoi confronti dal sostituto procuratore Angelo Busacca alla terza sezione penale del Tribunale di Catania a conclusione della requisitoria del processo sull'affidamento diretto, senza gara, nel maggio 2007 alla Pubbliservizi Spa dell'appalto per la pulizia della nuova aerostazione dell'aeroporto di Catania Fontanarossa. 

«Ho agito nell'esclusivo interesse delle Provincia di cui ero presidente e della Sac di cui ero amministratore. Scriverò e chiederò di essere sentito dai giudici prima che decidano». Lombardo, seconda l'accusa, sarebbe stato «il regista dell'operazione» avvenuta «in palese violazione di legge». Dietro la mancata gara pubblica «una precisa volontà di favorire» la società partecipata della Provincia di Catania con il fine di «mantenere gli standard lavorativi e favorire nuove assunzioni». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×