Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

«Sapevano da tempo del crollo alle Chiazzette»
Acireale, l'azienda forestale smentisce il Comune 

Susanna Simone, dirigente del dipartimento di Catania dell'ente regionale, smentisce quanto affermato dall'assessore ai Lavori pubblici acese e sostiene che un primo contatto con gli uffici comunali è stato stabilito già a fine novembre. «Siamo consapevoli che l’area ricade all’interno della riserva naturale orientata - afferma - ma credo che l’interesse per il ripristino delle condizioni di sicurezza sarebbe dovuto essere di tutti»

Simone Olivelli

«Non ne sapevano niente? È impossibile e ho le prove che lo dimostrano». Susanna Simone, dirigente del dipartimento di Catania dell’Azienda regionale foreste demaniali, non ci sta a passare per colei che si è disinteressata dell’incolumità dei turisti che da quattro mesi, ad Acireale, sono costretti a percorrere l’itinerario delle Chiazzette passando a pochi metri dai detriti dell’alto muro in pietra lavica, crollato lo scorso 5 novembre e finora mai messo in sicurezza: «Apprendo da lei le parole dell’assessore ai Lavori pubblici, Nando Ardita, secondo il quale il Comune sarebbe venuto a conoscenza soltanto due giorni fa della situazione – dichiara Simone –. Non so se l’assessore non sia stato informato, ma quello che è certo è che gli uffici comunali sono da tempo a conoscenza della situazione alle Chiazzette».

Il plurale non è casuale. A differenza di quanto dichiarato in una comunicazione inviata ieri dal servizio progettazione del settore Lavori pubblici, ad aver interloquito in questi mesi con l’Azienda regionale foreste demaniali, infatti, sarebbe stato più di un ufficio: «A fine novembre – continua la dirigente – ebbi modo di parlare con il dirigente del settore Protezione civile. Gli telefonai per informarlo del crollo e per chiedere se il Comune potesse darci una mano a risalire al proprietario del muro per sollecitarne la ricostruzione». Una richiesta a cui l’ufficio aveva risposto positivamente: «Mi fu detto che ci avrebbero pensato loro – racconta Susanna Simone – e si può comprendere che ciò fece sì che da parte nostra confidassimo in quell’impegno. Ricevere quel tipo di aiuto dal Comune, conoscere il nome del proprietario del terreno ci avrebbe permesso di velocizzare liter. Siamo consapevoli – prosegue – che l’area ricade all’interno della riserva naturale orientata della Timpa ma credo che l’interesse per il ripristino delle condizioni di sicurezza sarebbe dovuto essere di tutti».

Da parte sua, però, il settore Protezione Civile non solo non operò alcun approfondimento, ma non avrebbe nemmeno informato gli altri uffici sulla situazione alle Chiazzette. A dedurlo è la stessa dirigente dell’Azienda regionale foreste demaniali: «Non si spiega altrimenti la telefonata che poco tempo dopo ricevetti dal settore Lavori pubblici e manutenzioni – spiega Simone –. In quell’occasione l’ufficio ci informava del crollo, ma noi ne eravamo già a conoscenza e così mi toccò informare il dirigente di quanto promesso dal suo collega; e soprattutto – sottolinea – anche in quel caso fui rassicurata del fatto che il Comune avrebbe provveduto a fare la sua parte mettendo almeno un nastro che delimitasse l’area vista la situazione di potenziale pericolo».

Questa sorta di gioco a rimpiattino si è protratto per più di quattro mesi, nei quali il percorso delle Chiazzette – uno degli itinerari turistici più belli dell’intera costa jonico-etnea – ha visto aumentare il degrado dell’intera area già di suo vittima dell’inciviltà: «È una situazione spiacevole in cui a perderci siamo tutti – ammette Simone –. Mi prendo le mie responsabilità per non aver seguito l’evoluzione della vicenda. Purtroppo, però, facciamo affidamento su un personale stagionale e intervenire con rapidità nel periodo invernale non è semplice. Mi chiedo comunque per quale motivo in tutti questi mesi il Comune non abbia fatto nulla per informare il proprietario di quanto accaduto».

Adesso, però, l’intenzione è quella di fare da sé: «A questo punto credo sia la cosa migliore. Continuare a parlarsi senza far seguire alle parole i fatti serve a ben poco. Nel giro di dieci giorni opereremo un sopralluogo e avvieremo l’iter per il ritorno alla normalità». In prospettiva, inoltre, c’è anche un intervento di pulizia straordinaria dell’area in vista della stagione estiva: «Faremo anche quello – conclude Simone –. Il Comune ce lo chiede nella nota? Beh, iniziare a inviare le comunicazioni al dipartimento di Catania invece che indirizzarle erroneamente al distaccamento di Giarre potrebbe essere un buon punto partenza per velocizzare le comunicazioni».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews