Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

EtnaCoffee, la tavola calda a Londra
La scommessa di due fratelli catanesi

Arancini, cipolline, cannoli e tutti gli altri prodotti tipici della tavola calda e della pasticceria etnea da qualche giorno si possono assaporare nella centralissima Victoria station. E i creatori, i due fratelli Gaetano ed Enrico Bauso, puntano già in alto: «Vogliamo diventare una catena»

Leandro Perrotta

Si chiama EtnaCoffee, ed è la scommessa di due fratelli catanesi a Londra: vendere il sicilian street food, ovvero arancini, cipolline, ma anche dolci come i cannoli, a un pubblico internazionale. «Io lo definirei un bar tavola calda catanese in chiave inglese: prodotti tipici, ma immagine fresca e moderna. Umberto Travagli ha ideato il branding ed eseguito il concept con un'idea precisa», spiega Gaetano Bauso, 43 anni, manager e ideatore «del concept, del businness plan e di tutta la parte finanziaria. Puntiamo a diventare una catena dopo un primo periodo di rodaggio». A occuparsi della gestione materiale del locale, che ha aperto lo scorso 25 marzo e si trova nella centralissima e trafficatissima Victoria station, è invece il fratello Enrico, che di anni ne ha 37, «e negli anni ha gestito diversi locali: a Catania il Burger King e vari locali tra Miami, Montecarlo, Parigi e, appunto, Londra».

L'idea di un locale «è nata almeno due anni fa — spiega Gaetano Bauso —. Alla fine abbiamo trovato un finanziatore che ha creduto in noi, si chiama Nicola Persico e gestisce una holding finanziaria. Così io e mia moglie abbiamo deciso di lasciare Vodafone, dove lavoravamo entrambi a Milano, con un buono stipendio. E da settembre siamo qui». Un cambiamento di vita non facile: «La difficoltà maggiore è quella di avere entrambi, io e mio fratello, dei bambini piccoli. Inoltre – prosegue Gaetano – ho lasciato un'azienda dalla quale sono partito 14 anni fa come semplice addetto all'assistenza ai clienti e sono diventato account manager nel settore vendite. I soldi della liquidazione e della buonuscita adesso servono per vivere a Londra, che è molto cara. Solo l'affitto di casa è di 1500 sterline».

Per la gestione del locale, e per le ambizioni di crescita, «ci vogliono ben altri capitali. Per dare un ordine di grandezza, diciamo che per partire con un locale non bastano duecentomila sterline», spiega Gaetano Bauso. A questo si deve aggiungere il punto scelto: «Victoria station è carissima, pur essendo un ottimo punto, che nel 2018 crescerà ancora grazie al rinnovamento della stazione. In più – prosegue Gaetano – noi stiamo cercando di mantenere prezzi concorrenziali: un arancino qui da noi costa 2,90 sterline, mentre gli altri che li vendono qui a Londra praticano una politica dei prezzi diversa».

Ma se il prezzo, in rapporto a Londra, è concorrenziale, «la qualità del cibo è alta: abbiamo un fornitore siciliano, di Catania. I clienti apprezzano, e dal bancone, insieme a quello che per ora è il nostro unico dipendente, anche lui un ragazzo del Sud appena arrivato a Londra, spieghiamo i vari prodotti. Adesso non resta che aspettare sei mesi per vedere come va e fare un'analisi», conclude Gaetano Bauso.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Partecipa al sondaggio

e ricevi gratuitamente un nostro eBook

Considerato che MeridioNews non gode di contributi pubblici, quanto saresti disposto a pagare al mese per leggerlo?

Non pagherei 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Vorremmo inoltre non dipendere dagli inserzionisti. Quanto saresti disposto ad aggiungere per leggere MeridioNews senza pubblicità?

Niente, terrei la pubblicità 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Grazie per aver partecipato al sondaggio

Voglio ricevere l'eBook

Non voglio ricevere l'eBook

Inserisci la tua Email