Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Mafia, arrestato il boss latitante Nuccio Mazzei
Fermato nella villa di Ragalna, ricercato dal 2014

Nuccio 'u carcagnusu non si faceva trovare da aprile 2014 ed è il destinatario di due diverse ordinanze di custodia cautelare. È figlio di Santo, reggente e fondatore del clan che porta il suo nome, divenuto uomo d'onore per volontà del killer ergastolano Leoluca Bagarella. Guarda il video

Redazione

Latitante da un anno, dopo che era stato raggiunto da due ordinanze di custodia cautelare per i reati di associazione mafiosa, intestazione fittizia di beni e traffico illecito di stupefacentiSebastiano Mazzei è soprattutto il reggente del clan che prende il nome da suo padre Santo, divenuto uomo d'onore su decisione del boss corleonese Leoluca Bagarella. Detto Nuccio 'u carcagnusu, è stato arrestato oggi nel territorio di Ragalna, alle pendici dell'Etna in provincia di Catania. Il pregiudicato, classe 1972, si era reso irreperibile nel 2014, dopo l'operazione antimafia Scarface.

Gli uomini della squadra mobile etnea, coordinati dalla direzione distrettuale antimafia, lo hanno fermato all'interno di una villa dotata di tutti i comfort: «Vi assicuro che era in una posizione davvero anonima — spiega il dirigente della squadra mobile Antonio Salvago — poiché posizionata in una sorta di vicolo ceco». A fargli compagnia oltre alla moglie Enza Scalia, c'era un cane di nome Michael. Un nome scelto non casualmente, ma riconducibile al personaggio del film Il padrino, Michael Corleone. Ad emergere ancora una volta è quindi il mito dei nuovi boss di Cosa nostra verso determinate pellicole, basti ricordare il progetto della villa  e il trono sul modello Scarface di proprietà di William Cerbo, ritenuto uno degli elementi più fidati proprio di Mazzei ed arrestato lo scorso anno.

All'interno della villetta, affidata al boss latitante tramite una sorta di intermediario che l'aveva presa in locazione, c'erano anche alcuni telefonini e, nella camera da letto sotto il materasso un'accetta. Proprio sui dispositivi mobili sono in corso ulteriori indagini da parte degli inquirenti. Da decifrare con certezza c'è una sicura rete di fiancheggiatori che durante questi mesi ha coperto la latitanza. A tradire il boss la scelta di «restare inevitabilmente a contatto con il proprio territorio per continuare a gestire la cosca», prosegue Salvago. 

«La battaglia — precisa il procuratore capo Giovanni Salvi — è ancora lunga. C'è una continua rincorsa a queste organizzazioni che cercano sempre di riorganizzarsi». Mazzei, che non ha opposto resistenza al momento dell'arresto, «come gli esponenti di spicco della mafia», viene descritto come un personaggio che «volutamente ha mantenuto negli anni un profilo basso riuscendo così ad entrare a pieno titolo in maniera illecita nell'economia legale».

L'ormai ex latitante vanta una lunga militanza tra le fila della cosca di cui porta il nome. Che, storicamente, è vicina all'area palermitana di Cosa nostra. E, in particolare, al killer di Corleone oggi pluri-ergastolano Leoluca Bagarella.

Il padre, Santo Mazzei, negli anni Ottanta, militava nella cosca etnea dei Cursoti. Ma si era contrapposto alla frangia capeggiata da Giuseppe Garozzo, detto Pippu 'u maritato, e aveva lasciato il clan. Per stringere un'alleanza con l'ala stragista di Cosa nostra palermitana, guidata — dopo l'arresto di Totò Riina — da Leoluca Bagarella prima e da Vito Vitale poi. Come il figlio, anche Santo 'u carcagnusu era stato arrestato a Ragalna, dopo un periodo di latitanza. In quell'occasione — era il novembre 1992 — Santo Mazzei aveva con sé un revolver 357 magnum. Pochi mesi prima, a Catania, era stato nominato uomo d'onore, alla presenza dello stesso Bagarella, di Antonino Gioè e di Giovanni Brusca. Tutti arrivati appositamente da Palermo per imporre la leadership della famiglia Mazzei quale referente dei corleonesi.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Partecipa al sondaggio

e ricevi gratuitamente un nostro eBook

Considerato che MeridioNews non gode di contributi pubblici, quanto saresti disposto a pagare al mese per leggerlo?

Non pagherei 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Vorremmo inoltre non dipendere dagli inserzionisti. Quanto saresti disposto ad aggiungere per leggere MeridioNews senza pubblicità?

Niente, terrei la pubblicità 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Grazie per aver partecipato al sondaggio

Voglio ricevere l'eBook

Non voglio ricevere l'eBook

Inserisci la tua Email