Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Un morto e cinque feriti sulla statale 121
Coinvolte tre auto, dopo svincolo Biancavilla

Un grave incidente si è verificato stamattina su quella che è stata ribattezzata la strada della morte. Un 75enne alla guida di una Renault Twingo non ce l'ha fatta. La moglie è stata portata in elisoccorso al Cannizzaro. Ferita anche la nipote e tre persone che viaggiavano su un Opel Corsa

Salvatore Caruso

Un impatto terribile sulla statale 121 ha provocato la morte di un anziano e cinque feriti, di cui una, la moglie che sedeva al suo fianco, molto grave. La donna è stata portata in elisoccorso all'ospedale Cannizzaro di Catania. 

L'incidente si è verificato stamattina nel tratto di strada compreso tra lo svincolo per Santa Maria di Licodia e quello di Biancavilla. Sono tre le auto coinvolte. Secondo le prime ricostruzioni, due Opel Corsa - una vecchio modello, l'altra nuovo - viaggiavano una dietro l'altra in direzione di Adrano. Mentre una Renault Twingo, guidata dal 75enne, andava in senso opposto, verso Catania. Sarebbe stata l'Opel corsa vecchio modello a invadere la carreggiata opposta, all'uscita di una curva.

Ad avere la peggio è stata la Renault che, dopo il violentissimo impatto, è finita oltre il guardrail, in un terreno. L'uomo, 75 anni, originario di Centuripe, è morto sul colpo. Sono stati i vigili del fuoco di Paternò a estrarre il corpo dalla vettura. La moglie, che era seduta nel sedile accanto, è rimasta gravemente ferita. Anche la nipote 19enne della coppia, seduta nei sedili posteriori, è stata ferita e trasportata all'ospedale di Paternò. Gli altri tre feriti - che non sarebbero gravi - sono gli occupanti dell'Opel Corsa, vecchio modello, e sono stati portati all'ospedale di Biancavilla. L'auto su cui viaggiavano ha fatto testa coda ed è stata tamponata dall'altra Opel corsa che la seguiva.

E' rimasta illesa, ma sotto choc, la donna che guidava quest'ultima auto. Sarebbe proprio lei ad aver raccontato che l'auto che la precedeva e che ha invaso la corsia opposta, procedeva a velocità sostenuta e che il conducente avrebbe avuto un momento di disattenzione perché stava guardando il cellulare. 

La statale 121, che collega Paternò a Catania, è stata ribattezzata la strada della morte per i numerosissimi incidenti gravi che si sono registrati. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×