Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Naufragio, interrogati i due presunti scafisti
Migranti rinchiusi in una fattoria prima del viaggio

Oggi si terrà l'udienza di convalida del fermo per il comandante e il membro dell'equipaggio dell'imbarcazione affondata nella notte di sabato. Dalle testimonianze di 26 superstiti, a bordo ci sarebbero state circa 750 persone. Che prima ancora avrebbero subito violenze e pagato fino a settemila dollari

Redazione

Foto di: Dario De Luca

Foto di: Dario De Luca

Sono stati interrogati ieri i due presunti scafisti dell'imbarcazione che è affondata nella notte di sabato provocando almeno 700 vittime, un numero ancora oggi imprecisato. Oggi pomeriggio si terrà l’udienza di convalida dei fermi di Mohammed Alì Malek, il comandante della nave - accusato di sequestro di persona, naufragio, omicidio colposo plurimo e favoreggiamento all'immigrazione clandestina - e di Mahmud Bikhit, uno dei componenti dell'equipaggio, che dovrà rispondere solo della tratta dei migranti. Procedono intanto le testimonianze degli altri 26 superstiti - qui la lista diffusa dalla procura - ai magistrati. Secondo i racconti già in possesso della procura di Catania, sull'imbarcazione ci sarebbero state circa 750 persone. Resta ancora il giallo sulla presunta collisione con il peschereccio portoghese arrivato sul posto per le operazioni di recupero. Evento raccontato dai testimoni e sul quale la procura sottolinea l'assenza di colpe da parte del mezzo di soccorso.

«Ci sono stati improvvisi movimenti di persone a bordo, che hanno fatto inclinare il peschereccio, poi c'è stata la collisione e il natante è affondato in pochi minuti», racconta uno dei sopravvissuti. Secondo una nota dell'ufficio giudiziario etneo, invece, «risulta confermata la dinamica del naufragio, dovuto a errate manovre del comandante del peschereccio e al sovraffollamento dell’imbarcazione, caricata fino all’inverosimile». «Molte dichiarazioni confermano anche l’immediata e proficua attività di soccorso da parte del mercantile portoghese», sottolineano ancora. «Sul capovolgimento del peschereccio libico molti riferiscono di tre urti causati dalle manovre del comandante tunisino che avrebbero provocato forti oscillazioni».

Dai racconti dei migranti arrivati a Catania dopo la tragedia si possono ricostruire anche i momenti precedenti al viaggio. «Concentrati in una fattoria nei pressi di Tripoli, erano in tutto tra i mille e i milleduecento». Una permanenza di oltre un mese per alcuni, accompagnata da bastonate e compagni di viaggio morti di stenti o per le botte. Trasportati poi sulla costa con dei furgoni, da lì sono stati trasferiti sull'imbarcazione, raggiunta con dei gommoni. Durante il trasferimento, secondo il racconto di un uomo, un ragazzo sarebbe stato ucciso - e il suo cadavere gettato in mare - perché si sarebbe alzato senza permesso. Il pagamento del viaggio prevedeva tariffe diverse - da circa 800 dollari a settemila - per motivi non chiari agli stessi magistrati.

Non è ancora chiaro il ruolo giocato da eventuali militari. Alcuni testimoni infatti riferiscono che la fattoria veniva presidiata da «persone in divisa e con armi», ma anche di aver pagato «a personale libico, indicato come “poliziotti”». La maggior parte dei superstiti invece ha riconosciuto il comandante del barcone affondato, Mohammed Alì Malek, e ha raccontato come Mahmud Bikhit facesse rispettare i suoi ordini. La nave avrebbe usato il sistema satellitare Thuraja «per mantenere i rapporti con l’organizzazione libica». Anche quando è stato avvistato il mercantile portoghese.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×