Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

La valle dei Sieli tra rifiuti e natura
Il 25 aprile festa di liberazione dalla discarica

La zona è più nota per essere meta dei rifiuti di gran parte della Sicilia. Ma si tratta di «un'area molto ricca di diverse specie, animali e vegetali», spiega Francesco Di Grazia, studente di Unict che sta portando a termine una tesi che prevede la creazione di tre percorsi naturalistici. Per domani i cittadini dei comitati hanno indetto una manifestazione per riprendere il territorio. Guarda il video

Carmen Valisano

Foto di: Carmen Valisano

Foto di: Carmen Valisano

«È come rinunciare a una ricchezza». Giuseppe Sperlinga, biospeleologo docente dell'università di Catania e presidente dell'associazione Stelle e ambiente, stenta a dare una definizione del paradosso vissuto all'ombra dei Sieli. La valle che prende il nome dall'omonimo fiume si trova compreso tra i Comuni di Motta Sant'Anastasia e quello di Misterbianco. Ma negli anni la zona è meglio nota per essere patria della discarica più grande della Sicilia orientale, nella quale confluiscono i rifiuti di gran parte della regione.

«Non viene visto più come un luogo bello e stupendo», spiega Maria Caruso, storico membro del comitato No discarica misterbianchese. Non più scampagnate in mezzo alla natura, come accadeva fino a qualche anno fa: «Lo si associa al degrado». Proprio in quei luoghi da tempo trascurati, i comitati civici hanno organizzato per domani, sabato 25 aprile, una «festa di liberazione dalla discarica e dalla corruzione». Un evento che vedrà protagonista uno scorcio unico della provincia etnea, al confine tra l'ampia zona della valle del Simeto e le antiche lave dell'Etna.

«Un'area molto ricca di diverse specie, sia animali che vegetali», sottolinea Francesco Di Grazia. Studente di Scienze ecologiche ed educazione ambientale dell'ateneo catanese, guidato da Giuseppe Sperlinga, sta realizzando una tesi di laurea nella quale sta realizzando la proposta di tre percorsi naturalistici. Due ricadono sul territorio di Motta, uno su quello di Misterbianco. Obiettivo: «Cercare di valorizzare quest'area, che è abbandonata a se stessa», attraverso «proposte utili e pratiche». Secondo lo studente, che sta realizzando un vero e proprio censimento botanico, «si può sfruttare a livello turistico. A patto che si bonifichi la discarica».

Un tema che è diventato uno scopo per molti cittadini dei due territori etnei. «Come si fa dopo tantissimi anni, dopo tutte le indagini, ad avere ancora questa realtà nel nostro territorio?», si chiede Caruso. Il riferimento è all'operazione Terra mia, che ha portato all'avvio di un procedimento penale nei confronti di un funzionario regionale e quattro imprenditori del settore dei rifiuti. Tra loro, Mimmo Proto, proprietario della Oikos spa che gestisce il sito chiuso (ma non ancora bonificato) di contrada Tiritì e quello contiguo di contrada Valanghe d'inverno. «La magistratura ne ha preso atto, ma un risultato vero e proprio lo stiamo aspettando». 

Come precisa Danilo Festa, rappresentate del comitato di Motta, quello che sorge nella valle dei Sieli «è un sistema intriso di corruzione e illegalità. Un ecomostro illegittimo che arreca danni all'ambiente, alla salute e alla società». Ma, nonostante tutto questo, «la Regione continua a dare proroghe e a far scaricare rifiuti». Per questo motivo, l'evento di domani assume un valore, quello del recupero del proprio territorio, «diviso tra natura e la discarica. Il luogo degli orrori». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×