Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

A19 chiusa, turisti russi disdicono viaggio in Sicilia
«Cambiano per paura di non godersi la vacanza»

Hanno visto le immagini della frana sull'autostrada e hanno deciso dicambiare destinazione. Mentre altri due gruppi hanno chiesto di restare o a Palermo o Catania. «Proporre all'estero un pacchetto vacanze in cui ci sia anche la Sicilia è sempre più complicato, anche per i voli troppo costosi», spiega il tour operator Sicilying

Salvo Catalano

Foto di: Erasmo Palazzotto

Foto di: Erasmo Palazzotto

Hanno letto la notizia della Sicilia divisa in due. Hanno visto le immagini della frana che ha danneggiato irrimediabilmente il viadotto dell'autostrada A19. E hanno deciso di disdire il loro viaggio nell'Isola. Troppo preoccupati di non godersi la vacanza. Così un gruppo di otto turisti russi che avrebbe dovuto passare una settimana tra il Catanese e il Palermitano, ha scelto di cambiare destinazione. Mentre per altri due gruppi il tour operator catanese che aveva curato l'organizzazione, Sicilying, ha dovuto di tutta fretta pensare a un nuovo programma, in cui si eviterà di passare da un capo all'altro della Sicilia.

Effetti nefasti della chiusura del viadotto Himera, impraticabile dallo scorso 10 aprile. «Abbiamo perso diverse migliaia di euro, proporre all'estero un pacchetto vacanze per l'Italia in cui ci sia anche la Sicilia sta diventando sempre più complicato», spiega Carmelo Indelicato, titolare di Sicilying. Colpa dei collegamenti non solo interni ma anche col resto del Paese. «Nei giorni di punta per traghettare sullo Stretto ci sono lunghe attese, come è successo l'1 maggio, quando alcuni prenotanti che venivano dal Lazio hanno fatto tre ore e mezza di fila». 

Per non parlare dei costi dei voli. «Come si fa, all'interno di un pacchetto vacanze che tradizionalmente comprende Roma, Milano e Venezia a proporre di venire in Sicilia se il collegamento aereo con queste città arriva a costare anche 350 euro? Praticamente la stessa spesa che serve per andare a Dubai. E' impossibile così fare accordi con tour operator stranieri», sottolinea Indelicato.

Sicilying, nato come portale di esperienze turistiche in Sicilia, si è trasformato due anni fa in vero e proprio tour operator. Gli affari, grazie alle commissioni basse e alla vivacità sul web, vanno bene. Ma portare i turisti nell'Isola è diventato ancora più complicato negli ultimi tempi. «Senza Windjet e Airone, ad esempio, i voli su Milano Linate vengono effettuati solo da Alitalia, prima c'era un'ampia scelta». Secondo il giovane professionista del settore, le responsailità sono politiche, soprattutto della Regione Sicilia. «Il processo decisionale di un viaggio è fatto di tre fasi - analizza Indelicato -: scelgo il posto dove andare, prenoto e decido cosa fare lì. Noi possiamo intervenire e fare concorrenza sulle ultime due, ma se la Sicilia non viene sponsorizzata, se all'estero non arrivano i video dell'Etna o della stupenda spiaggia di Portopalo e se allo stesso tempo non si applicano prezzi convenienti sui collegamenti, è la prima fase che non funzionerà mai». 

Perso un gruppo di turisti russi, Indelicato e il suo team sono a lavoro per dare la migliore accoglienza ad altri due che, nonostante le cattive notizie, hanno deciso lo stesso di raggiungere la Sicilia. «Avevamo previsto di far passare quattro giorni tra Catania, Taormina e l'Etna e altrettanti tra Palermo e Monreale. Ma hanno chiesto esplicitamente di non fare il viaggio all'interno della Sicilia, ritenuto troppo lungo e su strade disagiate. Saremo quindi costretti - conclude il tour operator - a fare permanere un gruppo tutta la settimana a Catania e l'altro a Palermo».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews