Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Il mecenate Presti lascia Catania e Librino
«Con questo sindaco, meglio donare altrove»

Lo strappo tra il fondatore di Fiumara d'Arte e il sindaco Bianco si era consumato a dicembre, quando fu interrotto il Rito della Luce. Il silenzio di questi mesi sembra aver reso incolmabile la distanza. Stop quindi all'ampliamento della Porta della Bellezza e ad altri progetti. «Non mi sento tutelato dall'amministrazione». Guarda la vignetta

Salvo Catalano

Foto di: Salvo Catalano

Foto di: Salvo Catalano

«Ho sempre donato gratuitamente, ma non lo farò più a Catania, almeno fin quando c'è questa amministrazione da cui non mi sono sentito rispettato e protetto». Le idee e i progetti di Antonio Presti, mecenate e fondatore di Fiumara d'arte, prenderanno altre strade. Colui che da anni predica il verbo della bellezza come antidoto alla miseria e al degrado, ha deciso momentaneamente di lasciare il capoluogo etneo. E in particolare Librino, dove ha realizzato la Porta della Bellezza, dove ha in corso progetti rimasti a metà e altri chiusi nel cassetto e che lì rimarranno. «Non ho niente contro il quartiere, anzi, ero pronto ad ampliare la Porta della bellezza, con nuove installazioni sullo stesso cavalcavia, ma è la politica che manca e che evidentemente non ha capito il valore dell'opera».

Lo strappo tra Presti e l'amministrazione del sindaco Enzo Bianco si è consumato lo scorso dicembre, quando l'ormai tradizionale rito della luce nella scuola Vespucci è stato interrotto a seguito di una diffida da parte dei vigili del fuoco per il rischio legato all'accensione di tante candele. «La burocrazia spesso blocca lo slancio dell'arte e dello spirito. Rispetto le istituzioni e le scelte, seppur discutibili, di chi ha impedito tutto questo», aveva commentato il mecenate, rimproverando già allora al primo cittadino di non essere intervenuto in suo sostegno. Bianco rispose di non avere competenza sulla vicenda e di rimanere vicino a Presti. 

Da allora sono passati cinque mesi e la mancanza di confronto tra le parti sembra aver creato una distanza difficilmente colmabile. «A dicembre abbiamo concluso il rito con grande onestà intellettuale, ma a livello istituzionale non mi sono sentito protetto e rispettato. Il rito della luce è un dono gratuito della fondazione alla città di Catania, così come lo sono stati tutti gli altri progetti. Ma questo non viene apprezzato. Nessuno - continua Presti - si è fatto sentire, evidentemente l'amministrazione e il sindaco non ritengono importante dialogare pubblicamente».

Ecco perché il fondatore di Fiumara d'Arte ha deciso di sospendere le donazioni in programma. Stop dunque alla creazione di una galleria di opere d'arte a Librino, dove sarebbe potuta sorgere un'Accademia che alla didattica avrebbe unito la cura delle opere, affidata anche agli studenti. Il progetto prevedeva la nascita dei Musei della Contemporaneità, del Museo dell’Immagine, e di un grande museo fotografico, in collaborazione col maestro iraniano Reza Deghati e altri fotografi internazionali. Non solo. Resta bloccato al momento anche il progetto Tu sei bello come un fiore, che, in collaborazione con le scuole, mirava alla riqualificazione, attraverso l'arte, delle spine verdi di Librino. 

«Se questi doni gratuiti non ricevono rispetto, allora andrò altrove, almeno fino a quando il rapporto con l'amministrazione comunale non cambierà», sottolinea Presti che coglie l'occasione per denunciare anche la mancanza di manutenzione attorno alla Porta della bellezza. «L'installazione non è stata danneggiata da nessuno, a testimonianza che l'arte restituisce il diritto di cittadinanza e questo valore viene riconosciuto. Tuttavia, visto che le aiuole sono abbandonate e manca ancora l'illuminazione, mi sembra che l'amministrazione non abbia capito che quella è l'opera monumentale contemporanea più importante della città. Sembra che gli abitanti di Librino rispettino la porta, mentre la politica no».

Nei prossimi mesi i progetti di Fiumara d'arte andranno avanti fuori da Catania. Il rito della luce si svolgerà a Tusa, nel Messinese, dove sorge il grande parco di sculture monumentali. «Stiamo lavorando anche a un nuovo complesso monumentale da realizzare sull'Etna - conclude Presti - finora abbiamo trovato grande disponibilità e positività da parte dell'ente parco». Altra aria rispetto a Catania. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews