Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Giarre rischia dissesto: debito da 11 milioni
Somme non pagate, buco tenuto nascosto

La relazione del dirigente del servizio finanziario lascia pochi spazi all'ottimismo. Dopo una nuova ricognizione delle casse del Comune, è emerso un nuovo maxi debito. Nello stesso momento in cui i deputati regionali di Articolo 4 chiedono un'ispezione della Regione. «Non è una coincidenza», commenta il sindaco

Adesso per il Comune di Giarre evitare il dissesto sarà impresa durissima. Con un documento ufficiale che ha ad oggetto la situazione finanziaria dell'ente, il dirigente del Servizio finanziario, Letterio Lipari, ha pubblicamente annunciato che il debito pendente sulle casse comunali è pari a circa 11 milioni di euro. La cifra in questione sarebbe emersa in seguito a ulteriori controlli, effettuati dopo una prima verifica che aveva fatto emergere un buco di più o meno quattro milioni.

Il sindaco, Roberto Bonaccorsi, aveva allora assicurato di essere nelle condizioni di coprire questo debito grazie a fondi reperibili dal piano di risanamento e dai risparmi strutturali. Ma adesso la situazione pare notevolmente cambiata: alla cifra precedente, infatti, si sono aggiunti quasi sette milioni di euro. In base ai nuovi calcoli il debito ammonterebbe quindi a circa 11 milioni di euro, di cui 6,7 milioni riguardano passività pregresse, e quindi spese da saldare entro l’attuale esercizio finanziario, la restante parte è costituita da debiti fuori bilancio. Il primo cittadino si è preso qualche giorno di tempo per analizzare il documento, ma intanto lo definisce «vago». «Ci sono dati che s'intrecciano e si sommano - afferma - si fa riferimento a cose vecchie, a trasferimenti nazionali il cui taglio vale per tutti, non solo per noi».

Diversi sono i capitoli di spesa che compongono il nuovo maxi debito: 500mila euro riguardano la fornitura di acqua potabile; circa 1,8 milioni espropri non pagati; 275mila euro per la chiusura di contratti e interessi di energia elettrica e circa 600mila euro di costi per la rimozione e lo smaltimento della cenere vulcanica. Debiti contratti dal Comune prima dell'amministrazione dell'attuale sindaco Bonaccorsi. 

Lo stesso dirigente Lipari, in base ai calcoli fatti, suggerisce che una delle possibili strade da percorrere sarebbe quella, prevista dalla legge, della dichiarazione di dissesto economico, con tutte le conseguenze che comporterebbe per cittadini e amministratori, nel caso in cui non si riuscissero ad attuare, durante il corrente esercizio finanziario, manovre efficaci per il risanamento del debito. Una situazione simile rischierebbe, inoltre, di far saltare il cosiddetto Salva Giarre, il piano di riequilibrio approvato dall’attuale amministrazione che dovrebbe risanare in dieci anni le casse del Comune

«Quando è stato redatto il primo piano di riequilibri o – spiega Salvo Vitale, uno degli esponenti più influenti del Pd locale – io stesso avevo proposto alla vecchia amministrazione di valutare l’attuazione del dissesto finanziario. Già da allora infatti c’erano i presupposti perché emergesse quella situazione economica che oggi stiamo affrontando. Il debito attuale è più alto rispetto a quello di allora, ma stiamo parlando di fatture che in certi casi risalgono a diversi anni addietro. Per adesso non vedo altra soluzione se non quella del dissesto. Tra l’altro per i cittadini non ci potranno essere ulteriori disagi dal punto di vista economico, poiché le aliquote delle imposte sono già al massimo e non possono essere aumentate ulteriormente».

Quel che non è chiaro è come un debito di simile portata - di cui la fetta più grossa riguarda cifre accumulate a partire dal 2008, sotto l'ex amministrazione Sodano - possa essere rimasto per così tanto tempo sconosciuto agli addetti ai lavori, a cominciare dai dirigenti delle varie aree competenti. «Sapevamo di un buco - spiega un altro consigliere d’opposizione, Giannunzio Musumeci - ma non di queste dimensioni. Come ha fatto l’assessore al Bilancio, carica che ricopre lo stesso sindaco, a non inserire questi debiti nel piano di riequilibrio, dopo averlo rimodulato, e portandoci quindi sull’orlo del dissesto?».

Bonaccorsi si difende: «La prima ricognizione (quella che ha portato all'emersione del buco da circa quattro milioni di euro, ndr) riguardava solo il settore dell'energia. I nuovi debiti non erano stati nemmeno iscritti in bilancio, quindi non avemmo potuti inserirli nel piano di rientro». Nel frattempo, negli stessi giorni in cui il dirigente Lipari rendeva nota la relazione, i deputati regionali Luca Sammartino, Valeria Sudano, Raffaele Nicotra, Alice Anselmo hanno chiesto all'assessorato agli Enti locali un'ispezione sui conti del Comune di Giarre. I deputati vengono tutti da Articolo 4, movimento che recentemente è confluito nel Pd scatenando le proteste di molti militanti della base democratica. A Giarre il gruppo di Articolo 4, arricchito negli ultimi mesi dal passaggio di diversi consiglieri, ha attaccato il sindaco in consiglio sulla situazione finanziaria dell'ente.

«Non credo sia una coincidenza - commenta il sindaco - il fatto che la richiesta dei deputati e la relazione arrivino nello stesso momento. Sono ben felice di mettere le carte davanti a un soggetto esterno, spero solo sia una verifica seria».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×