Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

#IoResto per #FareTerritorio, una conricerca
Come l'attivismo incide sulla scelta di emigrare

I dati del rapporto Svimez 2014 danno il Sud in picchiata. A colpire i giovani del collettivo etneo Aleph sono soprattutto i numeri - oltre un milione e mezzo di persone in 12 anni - sull'emigrazione. Per questo hanno deciso di indagare «scelte di vita collettive e individuali» della loro generazione, capirle e comunicarle. I primi dati verranno presentati a Catania

Claudia Campese

«Partiamo da un unico dato del rapporto Svimez 2014: dal 2001 al 2013, un milione e seicentomila persone si sono spostate dal Sud al Nord». Soprattutto giovani - il 70 per cento - e per lo più laureati - il 40 per cento dei ragazzi. «Sembra che l'Italia sia divisa nettamente in due da fattori soprattutto economici, che si tramutano quindi in fattori sociali». Ma come incide sulla scelta di restare o partire l'attivismo sociale e politico? Se lo chiedono i ragazzi del collettivo catanese Aleph che, partendo da se stessi, hanno lanciato una conricerca su base regionale - ed esportabile in altre realtà italiane -, con l'aiuto di Gianni Piazza, docente di Sociologia dei fenomeni politici dell'università di Catania. L'obiettivo è «comprendere scelte di vita collettive e individuali, capirne il motivo e comunicarlo all’esterno, come generazione sempre meno presa in considerazione e, spesso, demonizzata». Una ricerca in tre tappe che vada oltre i semplici numeri, ma che restituisca la percezione di un fenomeno storico e sociale e spieghi «se, come e quanto la Politica, quella con la P maiuscola, quella quotidiana può intervenire in fattori sociali di questa portata». Il primo momento di analisi dei dati avverrà a Catania, sabato e domenica 23 e 24 maggio.

I giovani di Aleph sono intanto partiti dai numeri del rapporto Svimez. I quali danno il Sud in picchiata sotto tutti i punti di vista. Da quello occupazionale ai consumi per la salute e l'istruzione. Dal calo delle immatricolazioni a quello dei finanziamenti alle università meridionali, un circolo vizioso. Davanti a questi trend sempre più negativi, il gruppo ha deciso di intraprendere il metodo della conricerca. «E cioè uno studio che parte proprio dai soggetti coinvolti nella ricerca», spiega Fabrizio Cappuccio, attivista del collettivo Aleph, 24 anni, studente di Scienze politiche a Catania. Così nasce #IoResto per #FareTerritorio che, spiegano gli ideatori, «non è solo uno slogan, una campagna, ma soprattutto una convinzione, a cui ci aggrappiamo giornalmente e su cui vorremmo confrontarci». A livello locale ma non solo. Per questo la ricerca è impostata in modo da essere esportabile al di fuori dei confini siciliani.

Lo studio è articolato in tre passaggi: un analisi che coinvolge attivisti di diverse città siciliane; un focus su alcune esperienze di militanti emigrati negli ultimi cinque anni; e un ultimo di massa, gestito su fasce d'età, su chi non ha «ancora sperimentato la pratica di mettere in comune le proprie esigenze, la propria rabbia, le proprie aspirazioni». La prima fase è cominciata a febbraio «e speriamo di concludere la conricerca entro la prossima primavera», spiega Cappuccio. Il primo momento di confronto regionale, e non solo, ci sarà sabato 23 maggio alle 18, al Centro Sociale Auro, con un'assemblea insieme agli studenti da Napoli in giù. Domenica si parte invece con il workshop alle 11 Vivere il quartiere per vivere la città, differenze, potenzialità e difficoltà e l'analisi dei primi dati alle 17 per capire «come strutture, comitati, collettivi affrontano il tema dell'emigrazione».

Il test sottoposto ai militanti di diverse città siciliane - Catania, Palermo, Messina, Niscemi, Avola, Lentini e Marsala - ha previsto domande su temi non locali. Di carattere generale - dalla condizione economica al livello di studio -; sull'interesse e la partecipazione politica; su come e quanto ci si informa e infine sul tema dell'immigrazione. «Abbiamo rivolto la ricerca a realtà non istituzionali, come i partiti, ma ad attivisti di collettivi universitari, centri sociali e dei comitati No Muos», spiega Cappuccio. Scopo del questionario è capire com'è percepita la scelta dell'emigrazione da parte di chi ancora si trova in Sicilia. E quanto incidano alcuni fattori - come la militanza politica e sociale appunto - sull'eventuale decisione di andare via. I dati verranno presentati domenica, ma da un'anticipazione risulta che, per l'86,4 per cento degli intervistati, «rimanere significa avere a cuore la propria terra». Solo una piccola parte - il 24,7 per cento - pensa invece che sia «una scelta semplice».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×