Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Jova-notti #aggratis tour, data etnea fantastica
«Testimonial d'eccezione del lavoro gratuito»

«Il lavoro gratuito è una straordinaria opportunità, in voga in tanti paesi più evoluti di questo», scrivono gli organizzatori del finto concerto di Lorenzo Cherubini a Catania. Una pennellata di humor catanese dove si incontrano due polemiche: quella sui consigli del cantante romano ai giovani e l'altra, locale, sull'appello ai volontari nei festival

Claudia Campese

«Lavorare gratis Jova a te e Jova al Cherubini». È lo slogan del Jova-notti #aggratis tour, una serie di date di fantasia del cantante romano. Uno sfottò in salsa etnea che segue le parole di Lorenzo Cherubini - in arte Jovanotti - davanti agli studenti dell'università di Firenze, dove ha dichiarato: «Lavorare gratis? Sì, se serve per fare esperienza». Al posto dei pomodori live, l'artista ha ricevuto polemiche e insulti, specie tra i giovani senza stipendio non per scelta. A Catania, però, la contestazione si vena di humor in cinquanta sfumature di nero. E fa il paio con la polemica gemella dei mesi scorsi sull'appello ai volontari al Zanne fest. Per questo, gli organizzatori dell'#aggratis tour hanno scelto proprio la cornice del festival etneo per la tappa di fantasia di Jovanotti a Catania, fissata il 20 luglio. Ovviamente in concerto gratuito, ma col sorriso. Due giorni dopo il live - quello vero - del 18 luglio a Messina.

«Avete udito bene! Il mitico Cherubini si unirà allo straordinario festival! Bisogna fare esperienza. Il lavoro gratuito è oramai una straordinaria opportunità, in voga in tanti paesi più evoluti di questo stupido posto», scrivono gli organizzatori sulla pagina Facebook dell'evento. «Sembra faccia anche una cover di "Chi non lavora gratis, non fa esperienza (oltre che l'amore)"...», scherza Daniela. «Tia-Jovafest!», lancia un nuovo slogan Marco. «Noi investiamo molto sull'aspetto social, per questo ci teniamo a trasformare il festival in un evento totale, con un profilo umano notevole, in cui trova spazio questa nuova forma lavorativa che ti offre molte opportunità», rispondono a MeridioNews in un'intervista impossibile.

Perché scegliere proprio Jovanotti? «L'associazione è stata molto semplice - continuano i Jova-notti #aggratis tour manager - Ci siamo chiesti "Qual è l'archetipo del volontario?" e c'è spuntato inesorabilmente dinanzi il volto barbuto di Lorenzo Cherubini. Non abbiamo mai alluso a quel povero ragazzo che morì dal palco di un suo concerto; ci siamo solo detti che, se c'è qualcuno che in questo determinato momento storico ha la capacità di rappresentare la nuova frontiera del lavoro non salariato, è sicuramente lui». 

Un nome di respiro internazionale per un'esigenza oggi sentita in Italia, con un mercato del lavoro troppo rigido e una tratta dei lavoratori troppo choosy, schizzinosi, secondo l'ex ministra al Welfare Elsa Fornero. «E siccome in Europa, che sono più avanti, ci sono arrivati da un pezzo, siamo stati costretti a ricorrere a un testimonial nazional popolare come solo Jovanotti sa essere. Coi gruppi indie nessuno ci avrebbe calcolati. Ti immagini Alex Kapranos che spilla le birre?». Il riferimento degli informali organizzatori è al cantante del gruppo Franz Ferdinand, che si esibirà davvero al Zanne festival il 16 luglio. Eppure, secondo gli organizzatori dell'#aggratis tour, sarebbe stato Cherubini il nome giusto: «Jovanotti è come Renzi: piace alle nonne, piace a Luca Spataro, piace al panettiere. Era perfetto come testimonial d'eccezione».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×