Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Calcio Catania, ai domiciliari Pulvirenti e Cosentino
Controlli della guardia di finanza a Torre del Grifo

Insieme al presidente e all'amministratore delegato l'indagine coinvolge l'ex direttore sportivo Daniele Delli Carri e quattro procuratori: Giovanni Impellizzeri, Piero Di Luzio, Fabrizio Milozzi e Fernando Arbotti. Sono accusati a vario titolo di aver concordato alcune vittorie del Catania dietro il pagamento di denaro. La guardia di finanza, intanto, si trova a Torre del Grifo. Guarda il video

Partite comprate per evitare la retrocessione del Catania dalla serie B. È questa l'accusa che pende sulla testa del presidente della società etnea Antonio Pulvirenti, dell'amministratore delegato Pablo Cosentino e dell'ex direttore sportivo Daniele Delli Carri. Coinvolto nell'operazione della polizia è l'intero vertice decisionale del Catania. A finire agli arresti domiciliari anche quattro procuratori. Si tratta di Giovanni Impellizzeri, Piero Di Luzio, Fabrizio Milozzi e Fernando Arbotti. La guardia di finanza, intanto, si trova a Torre del Grifo, il centro sportivo della società etnea. Nell'indagine sono coinvolti anche Pietro Lo Monaco, presidente dimissionario del Messina ed ex direttore generale del Catania. 

L'indagine, denominata I treni del gol è condotta dai magistrati della procura di Catania insieme agli uomini della polizia postale e ipotizza il reato di associazione a delinquere finalizzata alle frodi sportive. Sono inoltre in corso numerose perquisizioni su tutto il territorio italiano. 

Le misure cautelari sono state eseguite proprio il giorno in cui era previsto il rientro a Catania dell'amministratore delegato Cosentino, che ha trascorso gli ultimi quindici giorni a Miami, negli Stati Uniti, insieme alla sua famiglia. Durante la stagione scorsa, quella incriminata dagli inquirenti, tre partite del Catania erano state segnalate da Federbet, organizzazione attiva contro le combine sportive, che aveva rilevato dei flussi anomali di scommesse. MeridioNews aveva raccolto, prima che la gara entrasse nell'elenco delle tre evidenziate da Federbet, pure la denuncia del gestore di una ricevitoria dell'acese a proposito di puntate sospette su Catania-Cittadella 2-3

Sull'argomento era intervenuto il presidente della Lega Serie B, Andrea Abodi, che aveva invece garantito la regolarità degli incontri. Apprese le novità dalla Procura, il massimo dirigente del campionato cadetto commenta: «Il rischio di invalidare il campionato non esiste. Mi auguro soltanto che ci sia un processo che velocemente ci consenta di iniziare la competizione».

«Oggi è un giorno triste ma dobbiamo avere la consapevolezza che ci siamo comportati secondo coscienza», è il primo commento dei gruppi organizzati della curva nord, sulla pagina Facebook Quando saremo tutti nella nord. «Il prezzo da pagare - continuano - sarà alto e lo pagheremo. È giusto così. È il modo per difendere l'integrità e la purezza della nostra storia. E poi ripartiremo. Da qualunque categoria. Onesti, e puliti».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×