Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Due furti a Biancavilla e Paternò
Rubate centinaia di stecche di sigarette

Nella notte un bar-tabacchi è stato svuotato da alcuni ladri che hanno rubato merce per cinquemila euro. Poche ore dopo, stamattina, un furgone con un carico di bionde è stato speronato. A bordo un carico da circa quarantamila euro. Poco dopo è stata trovata bruciata una delle auto utilizzate per il colpo

Salvatore Caruso

Scene di ordinaria criminalità sulle strade di Biancavilla, con banditi armati che oggi hanno speronato e bloccato, in pieno giorno, un furgone Iveco Daily carico sigarette. Il tutto si è verificato lungo via Monsignore Giosuè Calaciura, strada che collega la circonvallazione nord della città con lo svincolo della statale 284 in direzione Catania. Ad agire sei uomini i quali, a bordo di due auto una Golf Volkswagen e una Fiat Uno, hanno tagliato la strada al corriere dei monopoli diretto a Paternò. I banditi tutti col volto coperto e armati di pistola, hanno bloccato il mezzo, obbligando il conducente a scendere dal furgone e ad aprire i portelloni posteriori.

I rapinatori, in pochi minuti, hanno scaricato una trentina di scatoloni contenenti stecche di sigarette e li hanno messi nelle loro due auto, con le quali si sono poi dileguati. Un carico di circa 200 chilogrammi del valore stimato in circa 40mila euro. Messo a segno il colpo, i banditi sono fuggiti tagliando la corda; immediato è scattato l’allarme dato dallo stesso conducente del mezzo. Sul posto è intervenuta una volante della polizia del commissariato adranita e i carabinieri della compagna di Paternò. Forze dell’ordine che hanno nell’immediato avviato le ricerche delle due auto grazie anche alla testimonianza fornita dalla vittima.

Le ricerche delle forze dell'ordine hanno permesso di rinvenire, dopo qualche ora, la carcassa bruciata di un'auto nelle campagne di Belpasso. Dal controllo sarebbe emerso che si tratterebbe dellaFiat utilizzata dai rapinatori per mettere a segno il colpo; l’utilitaria sarebbe stata rubata qualche ora prima in un paesino dell’hinterland catanese.

Nella notte a Paternò, invece, alcuni ladri hanno preso di mira un bar–tabacchi. È di oltre cinquemila euro il bottino del furto ai danni della struttura dei fratelli Di Perna, in contrada Tre Fontane, lungo la strada provinciale 58. I banditi sarebbero entrati in azione poco prima delle 2 attraverso una porta secondaria dell’edificio che si affaccia sulla provinciale. I ladri, una volta dentro, hanno lavorato con la massima tranquillità; rubate centinaia di stecche di sigarette. Portati via anche altri oggetti in vendita. A fare la scoperta il proprietario della tabaccheria, il quale ha trovato l’esercizio commerciale quasi del tutto vuoto. Sul fatto indagano i carabinieri del comando stazione che stanno visionando le immagini dei sistemi di video sorveglianza che si affacciano lungo l’ingresso principale della strada provinciale.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×