Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Via Etnea, corteo dell'orgoglio rossazzurro
Negozio del Catania «chiuso per prudenza»

Mille alla partenza e duecento all'arrivo i partecipanti alla manifestazione organizzata dai gruppi ultras etnei. A pochi giorni dallo scoppio dello scandalo I treni del gol, «non vogliamo che l'immagine della città sia associata a quella che Pulvirenti e la dirigenza hanno dato», dicono i tifosi. Guarda le foto

Marco Di Mauro

«Non si dicono brutte parole», rimprovera un bambino al suo papà, che risponde «A lui puoi dirle anche tu, se le merita». Antonino Pulvirenti, presidente dimissionario del Catania, è il personaggio più preso di mira durante il corteo «dell'orgoglio rossazzurro». A organizzarlo sono i gruppi ultras del tifo etneo. Sulla folla, che muove da piazza Roma fino a piazza Università, campeggia la scritta «Pulvirenti Vattene», a caratteri cubitali. «Non vogliamo che l'immagine della città sia associata a quella che Pulvirenti e la dirigenza hanno dato», è la risposta più frequente tra i partecipanti.

È passata meno di una settimana dallo scoppio del caso I treni del gol. L'indagine della procura di Catania ha portato all'arresto, tra gli altri, del presidente, dell'amministratore delegato Pablo Cosentino e dell'ex direttore sportivo Daniele Delli Carri. L'accusa è di truffa e frode sportiva. Secondo gli investigatori, hanno truccato alcune partite dell'ultimo campionato di serie B con l'obiettivo di salvare la squadra e fare soldi pilotando le scommesse.

«Catania non si tocca», è il messaggio scritto sullo striscione dietro cui camminano i tifosi. I destinatari sono tutti i catanesi, perché «restare uniti non salverà il Catania dalle conseguenze ma ci dà forza e conforto per affrontarle», spiegano. I dirigenti coinvolti nelle indagini rischiano il carcere. La squadra potrebbe essere retrocessa in Lega Pro, con diversi punti di penalizzazione. Nella peggiore delle ipotesi, se la società non riuscisse a completare l'iscrizione al prossimo campionato, ripartirebbe dai Dilettanti. C'è tempo fino al 30 giugno, ma bisognerà anzitutto approvare un nuovo consiglio di amministrazione che si occupi di pagare le tasse e presentare le carte necessarie.

Alla partenza da piazza Roma, tra partecipanti e curiosi, sono circa in mille. A raccontare l'atmosfera sono le loro voci. «Pari ca stamu accumpagnannu u mottu». Il corteo si muove a passo lento ma è popolato da colori e cori. «Siamo meno di quanti prevedessi, ma facciamo tanto rumore». Qualche momento di tensione all'esplosione di diverse bomba carta, una anche all'interno della villa Bellini. Il negozio ufficiale del Catania, che si trova lungo il percorso del corteo, è rimasto chiuso «per prudenza». Alle 21 arrivano in piazza Università circa duecento. Molti abbandonano durante il cammino. Ancora qualche coro, poi il corteo si scioglie. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews