Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Pulvirenti, il giorno della confessione al giudice
«Ammette i contatti, ma crede non siano serviti»

Dopo l'arresto, il legale dell'ex patron rossazzurro aveva escluso un ruolo del suo assistito. Oggi la sorpresa: «Ha detto di aver comprato e mai scommesso», spiega il procuratore capo Salvi. Ma i legali precisano: «È convinto che il tentativo non abbia avuto nessuna incidenza sull'esito degli incontri»

Dario De Luca

Una scelta su cui nessuno avrebbe scommesso. L'ormai ex numero uno del Calcio Catania Antonio Pulvirenti ha deciso di ammette le sue responsabilità nel corso del lungo interrogatorio di garanzia in cui è stato il protagonista assoluto. «Ho comprato cinque partite a centomila euro ciascuna. Tutto è iniziato con l'incontro tra Varese e Catania - questi i termini con cui si sarebbe rivolto al giudice Fabio Digiacomo, secondo quanto riferito dal procuratore capo etneo Giovanni Salvi -, ma se l'ho fatto è stato solo perché volevo salvare il Catania». Un faccia a faccia durato oltre un'ora in cui però è arrivato anche il respingimento di ogni accusa sul presunto giro di scommesse che avrebbe affiancato ogni combine dell'ultimo campionato di calcio. «Ha detto di aver comprato e mai scommesso», continua Salvi rivolgendosi ai giornalisti. «Il signor Pulvirenti ha ammesso di aver avuto dei contatti con altri soggetti al fine di condizionare il risultato di alcuni incontri e ciò al fine di salvare dalla retrocessione il Catania - precisano poco dopo i suoi legali in una nota - Ha tuttavia manifestato la convinzione, anche alla luce della lettura degli atti, che tali contatti non abbiano avuto nessuna reale incidenza sull’esito degli incontri in questione».

Abbonati a MeridioNews per continuare a leggere l'articolo

È gratis per i primi 30 giorni

Un piccolo sostegno a fronte di un grande lavoro: per leggere il giornale dal tuo smartphone, dopo 3 contenuti gratuiti ogni mese, ti chiediamo un contributo. In cambio non vedrai pubblicità invasiva e potrai scoprire tutti i nostri approfondimenti esclusivi.

Scopri di più

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.