Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Lo scandalo che ha investito il Calcio Catania
Russo: «Combine goffa. Storia piena di squallore»

Il giornalista, esperto dei lati oscuri del calcio, commenta i risvolti dell'indagine I treni del gol: «È un bene che Pulvirenti e Cosentino si siano dimessi». La retrocessione in Lega Pro pare inevitabile, «ma il danno più grave è che sia stata coperta di squallore la storia del club»

Marco Di Mauro

«È un bene, che il Catania ha però pagato al prezzo di vedere coperta di squallore la propria storia». Pippo Russo, giornalista catanese che ha scritto diversi libri sui lati oscuri del calcio moderno, commenta così a MeridioNews le dimissioni del presidente del Catania Antonino Pulvirenti e dell’amministratore delegato Pablo Cosentino. La coppia che negli ultimi due anni ha guidato il Catania «fino alla squallida retrocessione in Lega Pro - che pare inevitabile per le regole della Figc -, sarebbe stato meglio non si formasse mai». Il giudizio di Russo arriva sull'onda dell’inchiesta I treni del gol. Scintilla dello scandalo che ha coinvolto gli allora due dirigenti di vertice del Calcio Catania, oltre all’ex direttore sportivo Daniele Delli Carri. Tutti indagati per truffa e frode sportiva.

«Non immaginavo un coinvolgimento diretto e così elevato del Catania», ammette. Secondo l’accusa, dopo la sconfitta in casa della Virtus Entella, i tre dirigenti hanno aggiustato le cinque partite seguenti. Fino ad allora la squadra stentava a vincere, «era sospetto che le vittorie fossero arrivate tutte insieme e all’improvviso - ammette il giornalista -, ma pensavo solo a un giro di scommesse truccate». Le combine sarebbero state portate a termine da alcuni intermediari, che avrebbero pagato dei giocatori avversari. «Esistono molti modi, moderni e ingegnosi, per orientare i risultati sportivi - conferma Russo -. Tentare di corrompere gli avversari è il più antico, goffo e individuabile che si possa scegliere».

Buona parte delle carte degli investigatori sono piene di intercettazioni telefoniche, nelle quali alcuni degli indagati parlerebbero di treni e palazzine riferendosi alle partite da sistemare. Metodo che il giornalista giudica «ridicolo e strampalato». Se l’obiettivo di parlare in codice è non farsi scoprire, «sono riusciti a rendere chiaro di stare nascondendo qualcosa». Una foto esclusiva di MeridioNews ritrae Pulvirenti insieme a Gianluca Impellizzeri, proprietario di alcuni centri scommesse, che davanti al gip si è avvalso della facoltà di non rispondere. Secondo gli avvocati di Pulvirenti, i tentativi di combine volevano solo salvare la squadra dalla retrocessione, e nemmeno sarebbero andati in porto. «Ha ammesso di avere tentato di combinare cinque partite e di avere sganciato 100mila euro per ciascuna», ricorda Russo. E delle gare in questione «il Catania quattro le ha vinte e una l’ha pareggiata». Percentuali che lo spingono a giudicare «deboluccia la linea difensiva di Pulvirenti».

Secondo Russo, «Pulvirenti sarà ricordato come il presidente sotto cui il Catania è precipitato nel fango dopo avere toccato la gloria». La squadra ha trascorso otto anni in serie A, il record di permanenza nel massimo campionato, poi è iniziata la parabola discendente «determinata dall’addio del direttore generale Pietro Lo Monaco ma iniziata solo dopo l’arrivo di Cosentino». L’ex amministratore delegato che il giornalista giudica «un dirigente incapace, visti i risultati catastrofici». Il Catania, fino a poco tempo fa si vantava di non essere mai stato coinvolto in uno scandalo. C’è finito nella stagione in cui si è avvicinato ad Alessandro Moggi, coinvolto nell'inchiesta Calciopoli e già citato da Russo in alcuni dei suoi libri, «una coincidenza temporale che lascia pensare ma che non significa nulla. Saranno i fatti che emergeranno dall’inchiesta a parlare». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews