Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Mafia, sequestrate quote Eurospin Sicilia per oltre tre milioni
Il presunto ruolo di Cosa nostra nell'espansione dell'azienda

Le azioni sono riconducibili agli eredi di Ferdinando Bonanno, imprenditore morto nel 2014 e condannato per concorso esterno in associazione mafiosa. I presunti legami con Cosa nostra emergono anche dall'inchiesta Iblis. Secondo gli inquirenti, l'azienda avrebbe aperto nuovi punti vendita in tutta la Sicilia grazie ai rapporti con diversi boss 

Redazione

Sequestrato il sei per cento delle quote azionarie della Eurospin Sicilia intestate a Ferdinando Bonanno, imprenditore morto nel marzo 2014 e coinvolto nell'inchiesta Iblis sulle presunte collusioni tra politica, mafia e imprenditoria. Le azioni, adesso riconducibili agli eredi, hanno un valore stimato in tre milioni 600mila euro. Bonanno è stato condannato dalla corte di appello di Palermo quattro anni e otto mesi per concorso esterno in associazione mafiosa

Ferdinando Bonanno rivestiva per Eurospin Sicilia il ruolo di responsabile del settore sviluppo. Suo compito era individuare città nelle quali aprire nuovi punti vendita e per questo motivo sarebbe entrato in rapporti con esponenti di spicco di Cosa nostra. Dall'inchiesta è emerso come Bonanno «otteneva indubbi benefici nello svolgimento delle sue attività e, nel contempo, si metteva a disposizione di Cosa nostra - scrivono le forze dell'ordine nel comunicato diramato oggi - garantendo talvolta a esponenti della medesima associazione la gestione di alcuni supermercati o comunque altri benefici sia in termini economici che nell’assunzione di soggetti segnalati dal sodalizio». 

Bonanno avrebbe stretto legami con i fratelli Alfio e Vincenzo Aiello, quest'ultimo ritenuto all'epoca rappresentante provinciale del clan Santapaola-Ercolano. Altro contatto sarebbe stato quello con il presunto esponente di spicco della mafia calatina Rosario Di Dio. La rete così intessuta avrebbe permesso l'espansione nell'Agrigentino, grazie al ruolo dell'allora latitante Giuseppe Falsone. A guardare di buon occhio l'espansione dell'azienda rappresentata da Bonanno sarebbe stato anche il boss Bernardo Provenzano poiché sarebbe stata scalfita l'idea di espansione nella provincia di Agrigento di un'altra catena di supermercati, appoggiata invece da Matteo Messina Denaro.

Una dinamica emersa anche all'interno dell'inchiesta Iblis e in particolare nel territorio di Palagonia. Qui Ferdinando Bonanno avrebbe avuto come referente Rosario Di Dio per comprare un terreno dove far sorgere un nuovo punto vendita. Una decisione che avrebbe permesso a Bonanno di ottenere tutte le autorizzazioni urbanistiche e commerciali da parte dell'amministrazione comunale, all'epoca guidata dal sindaco Fausto Fagone, anche lui coinvolto in Iblis. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Partecipa al sondaggio

e ricevi gratuitamente un nostro eBook

Considerato che MeridioNews non gode di contributi pubblici, quanto saresti disposto a pagare al mese per leggerlo?

Non pagherei 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Vorremmo inoltre non dipendere dagli inserzionisti. Quanto saresti disposto ad aggiungere per leggere MeridioNews senza pubblicità?

Niente, terrei la pubblicità 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Grazie per aver partecipato al sondaggio

Voglio ricevere l'eBook

Non voglio ricevere l'eBook

Inserisci la tua Email