Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Combine Catania, Zappalà (Pd) chiede i danni
«Comune costituisca parte civile nel processo»

Per il consigliere comunale «bisogna dare alla città una nuova onorabilità». Per questo oggi intende depositare a Palazzo degli elefanti la richiesta di un consiglio comunale straordinario. Nel corso del quale si dovrebbe discutere della possibilità di partecipare all'eventuale futuro procedimento contro i vertici rossazzurri

Luisa Santangelo

Un consiglio comunale straordinario e la richiesta di costituirsi parte civile nell'eventuale processo futuro. Per il consigliere comunale Lanfranco Zappalà (Pd) è arrivato il momento che l'amministrazione prenda una posizione sul caso delle presunte combine per evitare la retrocessione del Calcio Catania dalla serie B. A essere accusati di truffa e frode sportiva sono l'ex presidente della società rossazzurra e l'ex amministratore delegatoAntonino Pulvirenti e Pablo Cosentino. Nonché il fu direttore sportivo, Daniele Delli Carri. L'intero vertice della squadra etnea sarebbe colpevole, secondo gli inquirenti che seguono l'inchiesta I treni del gol, di aver tentato una compravendita di partite. Dalla quale sarebbe anche scaturito un giro di scommesse. «Dopo tutto questo fango, bisogna dare alla città una nuova onorabilità», afferma Zappalà.

«Fermo restando che Catania non è soltanto calcio, io reputo opportuno che questa amministrazione prenda una posizione netta a favore dello sport pulito», prosegue il consigliere comunale. Che, per sua stessa ammissione, non è un «tifoso incallito». «Bisogna ammettere, però, che il Calcio Catania ha rappresentato questa città su un piano nazionale - dice - È stato la bandiera dello sport etneo e spesso i suoi amministratori sono andati a braccetto con la giunta cittadina». Perché di progetti con la squadra di Pulvirenti ce n'erano in ballo tanti. Non ultimo quello del nuovo stadio. «Senza contare le innumerevoli convenzioni che sono state fatte con la società, al fine tutelare le attività sportive in questa città».

Lo scandalo, l'ennesimo nel mondo del calcio, arriva come un fulmine nel capoluogo etneo. Su un cielo che, però, non poteva definirsi sereno. Perché da mesi i tifosi contestavano la gestione della formazione rossazzurra. E lo avevano fatto anche con proteste plateali, come l'assenza dagli spalti dello stadio Angelo Massimino. «I sostenitori della squadra si sono sentiti offesi. Si tratta di cittadini catanesi che vanno comunque tutelati - sostiene Lanfranco Zappalà - Al netto del dispiacere per quanto sta accadendo nelle sedi giudiziarie e restando fiduciosi rispetto al giudizio della magistratura, è il momento che il Comune sia chiaro su ciò che intende fare». 

Per questo oggi sarà lo stesso esponente del Partito democratico a protocollare a Palazzo degli elefanti una richiesta di consiglio comunale straordinario. All'ordine del giorno dovrebbe esserci la richiesta di costituzione di parte civile dell'ente nel procedimento giudiziario che potrebbe scaturire dalle indagini. «L'immagine di Catania al di fuori dalla città è stata macchiata. Sentire parlare di noi solo in relazione a questo scandalo non ci fa bene. Il danno economico non può non essere considerato - conclude Zappalà - Il concetto che qui non c'è spazio se non per lo sport puro va ribadito. Anche attraverso gli atti di governo».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews