Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Cerimonia interreligiosa per 13 migranti
«Legalizzare le partenze dai Paesi d'origine»

I loro corpi sono i primi recuperati dal relitto affondato lo scorso 18 aprile a largo delle coste della Sicilia. Sono le vittime di una tragedia che avrebbe portato alla morte di quasi 800 persone. Stamattina sono stati celebrati i loro funerali. «Credo sia dovere di grande civiltà di un continente come l'Europa non dimenticare», afferma il sindaco Bianco. Guarda le foto

Dario De Luca

Una cerimonia che ha coinvolto cattolici, musulmani e copti per dare l'ultimo saluto alle 13 salme di alcuni dei migranti morti in mare nel naufragio del 18 aprile scorso, in cui secondo le testimonianze dei superstiti avrebbero perso la vita quasi 800 persone. Una data che rimarrà per sempre scolpita nella storia delle migrazioni via mare dal continente africano verso l'Europa per il numero di vittime. Tra i partecipanti alla funzione, oltre all'arcivescovo Salvatore Gristina, il primo cittadino di Catania Enzo BiancoIsmail Bouchnafa, imam della moschea locale e vicepresidente della comunità islamica di Sicilia e Abona Bola in rappresentanza della chiesa coopta d'Egitto. «Si dovrebbero legalizzare le partenze dai Paesi d'origine - spiega Bouchnafa -. L'Italia non può essere lasciata da sola e la comunità europea dovrebbe assumersi le sue responsabilità per affrontare seriamente questo problema».  

Le vittime di età compresa tra i 23 e i 30 anni, verosimilmente di origini nordafricane, sono state recuperate dalla marina militare a 370 metri di profondità, adagiati accanto al relitto della nave che li stava conducendo verso la SiciliaSui corpi recuperati sono state effettuate le analisi del dna per procedere alla loro identificazione. Secondo le prime ipotesi, la morte sarebbe avvenuta per annegamento. Gli accertamenti condotti dalla polizia scientifica e da esperti degli atenei di Catania, Palermo e Messina sono guidati dal medico forense Cristina Cattaneo. Il coordinamento per conto del Comune è stato affidato all'assessora Valentina Scialfa.

«La città di Catania - afferma Bianco nel suo intervento - rivolge un omaggio a queste persone, e alle molte altre di cui non recupereremo mai i corpi, che hanno lasciato la loro terra per inseguire un sogno che si è infranto dopo mille sofferenze, ma che credo sia dovere di grande civiltà di un continente come l'Europa non dimenticare». «Questo è un momento davvero commovente e sentito e nessuno può tirarsi indietro - commenta Gristina a margine della cerimonia -. Attraverso queste persone abbiamo voluto ricordare tutti coloro che, in modo particolare in quest'ultimo periodo, ci chiamano a quei sentimenti d'umanità che ci dovrebbero caratterizzare». 

Al naufragio del 18 aprile scorso sono sopravvissuti in 28 tra cui il presunto scafista tunisino Mohammed Ali Malek e l'aiutante siriano Mahmud Bikhit. L'imbarcazione sarebbe affondata dopo l'arrivo di un mercantile portoghese, il King Jacob, intervenuto a seguito dell'sos ricevuto dalla guardia costiera italiana. A causare la tragedia, come più volte dichiarato dalla procura di Catania, non sarebbe stata la collisione tra i due mezzi, ma una manovra errata del comandante Malek. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×