Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Rifiuti, Pd sollecita nuovo bando per la raccolta
D'Agata assicura: «Stiamo lavorando alla gara»

L'anno scorso il commissariamento dell'appalto per la gestione del settore, affidato per 78 milioni di euro alla Ipi-Oikos, e la richiesta da parte del Comune di otto-dodici mesi per predisporre il nuovo piano. «Ci piacerebbe sapere perché l'argomento sia caduto nel dimenticatoio», chiedono Giuseppe Berretta e Niccolò Notarbartolo. «Ci stiamo preparando», garantisce l'assessore al ramo

Carmen Valisano

«È trascorso quasi un anno da quando il Comune di Catania, chiedendo alla prefettura e all'agenzia nazionale Anticorruzione di commissariare le aziende Oikos e Ipi per l'appalto relativo alla gestione dei rifiuti in città, garantiva che entro otto-dodici mesi avrebbe predisposto la nuova gara d'appalto per l'espletamento del servizio». A chiedere che fine abbia fatto il bando per il servizio in città sono il parlamentare nazionale del Partito democratico Giuseppe Berretta e il consigliere comunale Niccolò Notarbartolo. «Ci stiamo preparando», risponde a MeridioNews Saro D'Agata, assessore al ramo. 

La questione riguarda da vicino le sorti della Oikos - l'azienda guidata da Domenico Proto, imprenditore del settore dei rifiuti coinvolto nell'inchiesta della procura di Palermo Terra mia - e il raggruppamento temporaneo di imprese Ipi. Sull'appalto da 78 milioni di euro pesa il commissariamento imposto l'anno scorso dalla prefettura etnea. Per evitare ricadute negative sul servizio ai cittadini, il Comune ha chiesto del tempo per poter predisporre la nuova gara. Dodici mesi era il limite indicato; scadenza che giunge proprio in questo periodo, sottolineano gli esponenti del Pd. «Ci piacerebbe sapere, quindi, perché l'argomento sia caduto nel dimenticatoio, considerando che il tema dei rifiuti e della loro buona o cattiva gestione incide in maniera rilevante sulla vivibilità della città». E, sottolineano, «nell'ultimo anno la differenziata è rimasta ferma all'undici per cento e solo da pochissime settimane è stata avviata la prima sperimentazione della raccolta porta a porta a Santa Maria Goretti». Proprio in occasione della presentazione del servizio nel quartiere, il sindaco Enzo Bianco ha anticipato quali saranno le prossime tappe: la raccolta nella «zona di competenza del Comune (cioè il centro, ndr) partirà a ottobre, a marzo scadrà l'attuale contratto, faremo la nuova gara d'appalto e sull'intero territorio verrà esteso il porta a porta».

Berretta e Notarbartolo sollecitano l'amministrazione a rendere noto quanto è in corso di pianificazione. «Stiamo lavorando al nuovo bando», assicura l'assessore D'Agata. «Riguarderà l'intero territorio e non i due terzi della città, come accade adesso», spiega riferendosi alla gestione mista azienda-Comune in vigore. E sui tempi specifica che «la durata del commissariamento è uguale a quella dell'appalto». Entro febbraio, quando terminerà il rapporto con Ipi-Oikos, «saremo pronti». «Il passaggio in aula avverrà per il piano di intervento, che è alla base dell'appalto». Una volta ottenuto il via libera dal consiglio comunale, sarà possibile predisporre la gara. E D'Agata anticipa che per stilare il nuovo piano verrà costituito un osservatorio, con il coinvolgimento delle associazioni che si occupano di tematiche ambientali. 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×