Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

La lettera di due neogenitori al figlio Paolo
«Nel tuo nome c'è l'orgoglio di essere siciliani»

Nel giorno della strage di via D'Amelio, MeridioNews pubblica le parole di due giovani mamma e papà che per il proprio figlio, nato pochi giorni fa, hanno scelto il nome del magistrato ucciso dalla mafia. «Perché pensiamo che sia l'esempio il modo migliore per insegnare ai figli»

Paolo. Un giorno ci chiederai perché ti chiami così. Ti spiegheremo perché mamma e papà hanno preferito al nome del nonno e alle mode del momento quello di Borsellino. Un signore che faceva il magistrato e che non c'è più da 23 anni prima che tu nascessi, perché è stato ucciso da gente cattiva. Te lo spiegheremo più volte e ogni volta aggiungeremo qualcosa: chi era quella gente, perché lo ha fatto, chi l'ha aiutata.

E così un giorno capirai che ti chiami Paolo perché vorremmo che tu fossi orgoglioso di essere siciliano, che avessi sempre speranza nel futuro tuo e della tua terra, perché chi la vuole migliorare esiste e anche tu hai la tua parte da fare.

Ti chiami Paolo perché pensiamo che sia l'esempio il modo migliore per insegnare ai figli. E volevamo darti un esempio di coraggio, dignità e onestà.

Ti chiami Paolo perché mamma e papà credono in una Sicilia degna di una nuova vita, degna di te.

Ti chiami Paolo perché quel giorno in cui dovremo spiegarti cos'è la mafia, speriamo di poterlo fare usando solo l'indicativo imperfetto. «Era e ora non c'è più».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×