Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Etnalibera, presentate al Parco mille firme
Il comitato martedì in audizione all'Ars

Il gruppo di associazioni e cittadini contro i divieti di fruizione dell’area sommitale del vulcano è stato convocato alla commissione regionale Ambiente e territorio. E intanto propone uno schema chiaro di competenze e responsabilità per la gestione di una delle più importanti risorse turistiche etnee

Redazione

Foto di: Giuseppe Distefano

Foto di: Giuseppe Distefano

Perché l’Etna non si può vietare. È il titolo del documento presentato dal comitato Etnalibera al Parco dell'Etna - responsabile della gestione del vulcano - insieme alle prime mille firme di personaggi noti, cittadini, appassionati e professionisti della montagna. Sempre con lo stesso obiettivo: «La modifica dell’attuale modalità di fruizione dell’area sommitale dell’Etna e degli eventi eruttivi, vietati al libero escursionismo da un regolamento della Protezione civile regionale». Un divieto che vale non solo in caso di eventi vulcanici importanti, ma anche quando la criticità è stabilità come «moderata».

Il comitato intanto martedì prossimo sarà alla Regione Sicilia. Convocato alla commissione Ambiente e territorio dell’Ars, prenderà parte alla discussione sull’interrogazione di Concetta Raia, deputata in quota Pd, sulla fruizione dell’area sommitale dell’Etna e di altre aree protette regionali. Ma l'eco della chiusura della vulcano ai cittadini è arrivato fino a Roma, con un altro documento, presentato alla Camera dall'onorevole democratico Giuseppe Berretta. Che si è rivolto al ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, ma anche al sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega alla Protezione civile Claudio De Vincenti e al ministro dell’Interno Angelino Alfano.

Un primo passo, secondo il comitato, che proseguirà attraverso la raccolta firme «sia con i banchetti che allestiremo in diversi punti sull’Etna, sia on line», spiegano Sergio Mangiameli e Giuseppe Riggio. «La sicurezza assoluta in qualsiasi ambiente naturale originale è una illusione», continuano i portavoce del gruppo di associazioni e singoli cittadini. Che propongono uno schema chiaro di competenze e responsabilità: «La fruizione dell’Etna è, di norma libera; al Parco dell’Etna va riconfermato il compito di gestione della fruizione, alla Protezione civile e all’Ingv i compiti di sorveglianza, monitoraggio e allerta per assicurare una informazione in tempo reale a cittadini e turisti, anche stranieri, ben maggiore di quella oggi divulgata».

Come spesso ricordato dallo stesso comitato, la questione riguarda anche l'indotto turistico ed economico del vulcano. «Le guide debbono poter responsabilmente scegliere quando e come operare sulla base delle informazioni disponibili e della loro esperienza come accade in tutte le montagne del mondo», sottolineano Mangiameli e Riggio.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×